GENERAL ELECTRIC PERDE IL RATING ‘AAA’, TITOLO SALE

12 Marzo 2009, di Redazione Wall Street Italia

L’agenzia di rating Standard & Poor’s ha tagliato il giudizio sul credito della conglomerata industriale da ‘AAA’ a ‘AA+’.

Alla base della decisione, le valutazioni sul profilo della divisione dei servizi finanziari GE Capital Corp. “Riteniamo che GECC sia sotto crescenti pressioni in materia di utili, a causa del deterioramento delle condizioni generali dell’economia’” hanno affermato gli analisti.

Il titolo avanza al momento, in progresso del 2% circa, arrivato a segnare addirittura un rialzo del 7% nel preborsa. La decisione era ampiamente attesa dal mercato e i timori sulla perdita del rating ‘AAA’ avevano gia’ innescato un sell-off sull’azione negli ultimi giorni.

Gli operatori sono tornati dunque ad acquistare GE ora che finalmente la notizia e’ stata rilasciata e l’outlook e’ stato confermato ad una condizione “stabile”.

Secondo l’analista di S&P Robert Schulz il risultato delle pressioni derivanti dalle condizioni economiche in peggioramento finira’ per aumentare le perdite del credito nei segmenti chiave del portafoglio di GECC. “Tuttavia riteniamo che le capacita’ di generare cassa su base industriale di GE rimane sostanzialmente buona, persino in vista di una enorme crisi economica globale, e che nei prossimi due anni l’azienda produrra’ una crescente liquidita’ di bilancio rispetto ai livelli attuali”.

“I rating su GE – ha proseguito l’analista – continuano a riflettere la nostra opinione sull’eccellente profilo dal lato del rischio aziendale, e sui flussi di cassa e liquidita’, sulla sua solida governance societaria e sull’impegno del management a mantenere un’alta qualita’ del credito”.

GE prevede che il downgrade non avra’ un impatto significativo sulle operazioni o raccolta di fondi. La societa’ ha infatti intrapreso azionic per rafforzare il suo bilancio e la posizione liquida. tra queste la raccolta di 48 miliardi di dollari in contanti e di oltre il 90% della quantita’ di debiti richiesti sul lungo termine, oltre alla riduzione delle attivita’ commerciali a 60 miliardi da 88 miliardi nel terzo trimestre 2008.

Il presidente e AD di GE, Jeff Immelt, ha dichiarato: “Come gia’ anticipato, siamo pronti a finanziare la societa’ come una doppia A, ma continueremo a gestire GE con la rigorosita’ di una societa’ con una tripla A, il che significa bassi livelli di indebitamento, alta liquidita’ e una disciplina molto rigida per quanto riguarda il rischio. A nessuno fa piacere subire un downgrade, ma il rapporto e il rating confermano ancora una volta la relativa solidita’ della societa’.