Gemina, ADR, passeggeri in forte crescita a gennaio

16 Febbraio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Netta ripresa del traffico aereo a Fiumicino nel mese di gennaio. Confermando la tendenza già evidenziatasi durante le festività di fine anno (dal 21 dicembre 2009 al 10 gennaio 2010 sono transitati al Leonardo da Vinci 1.771.768 passeggeri, con un incremento del 14,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente), lo scalo intercontinentale della Capitale ha chiuso il primo mese del 2010 con un crescita del 13,4% (2.297.141 passeggeri), rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Lo si legge in una nota. La crescita del traffico passeggeri ha interessato tutte le rotte nazionali, internazionali europee ed extra-europee ma, in particolare, le aree del Medio Oriente (+33,2 per cento) e dell’Estremo Oriente (+21,4 per cento). Ciò a fronte di una capacità offerta nel mese pressoché stazionaria per numero di movimenti aerei (decolli e atterraggi: invariati rispetto al 2009). In sostanza è aumentata la richiesta di posti e, conseguentemente, il riempimento degli aeromobili a parità di voli. L’aumento dei viaggiatori a gennaio è avvenuto per qualsiasi tipologia di traffico: i voli di linea hanno fatto registrare un + 10%, ma assai più significativo è stato l’incremento del 32,8% del settore “low cost / low fare”. Un + 7% ha fatto registrare la sezione charter, che già lo scorso anno aveva evidenziato risultati incoraggianti. Nuovi collegamenti da e per Fiumicino sono già stati annunciati per il 2010: Alitalia (Los Angeles), US Airways (Charlotte), United Airlines (Chicago), Qatar Airways (Doha), Air Baltic (Vilnius) e Emirates (fino al raddoppio dei voli giornalieri su Dubai). Anche la puntualità dei voli in gennaio ha mostrato un notevole miglioramento rispetto allo stesso dell’anno precedente. Oltre il 73% dei voli è partito in orario rispetto al 64% del 2009. Lo sviluppo del traffico, l’arrivo di nuovi vettori e l’avvio di numerosi collegamenti da e per Roma confermano la centralità del sistema aeroportuale romano nella rete mondiale del trasporto aereo e valorizzano anche l’impegno della società Aeroporti di Roma, che ha pianificato ingenti investimenti per realizzare nuove infrastrutture, tra cui spiccano il Molo C e il bando di gara per il Masterplan che progetterà lo sviluppo di Fiumicino a nord con una nuova aerostazione, nuove piste e il sostanziale raddoppio (90-100 milioni) dei passeggeri.