Gas, tra Russia e America si rischia un inverno al gelo

11 Maggio 2022, di Leopoldo Gasbarro

L’interruzione dell’erogazione del gas russo verso l’Europa, e verso il nostro Paese, rischia di diventare un fatto ineludibile. Le tensioni salgono con il protrarsi della guerra e nelle ultime ore Ucraina e Russia si sono scontrate per il gas naturale. Lo scontro  sta portando all’interruzione delle forniture in transito nel paese colpito dalla guerra per la prima volta dall’invasione.

Il tema della carenza di materie prime energetiche assume una dimensione di più ampio raggio. La situazione rischia di precipitare e, se non lo facesse, se rimanesse lo status quo sarebbe ugualmente di difficile gestione per il prossimo inverno. E la crisi non sarebbe legata solo al gas russo ma anche al GNL in arrivo via mare dagli USA.

Su questo ci da ulteriori spunti, non positiivi purtroppo, la ricerca Rystad Energy, secondo cui si starebbe preparando una crisi del gas naturale liquefatto (GNL) per i paesi europei che si occupano di insicurezza energetica sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina, poiché la domanda supererà l’offerta entro la fine di quest’anno.

La domanda globale di GNL –  secondo la ricerca – dovrebbe raggiungere i 436 milioni di tonnellate nel 2022, superando la fornitura disponibile di soli 410 milioni di tonnellate. Una tempesta invernale perfetta potrebbe formarsi per l’Europa mentre il continente cerca di limitare i flussi di gas russo. Lo squilibrio dell’offerta e i prezzi elevati prepareranno la scena per l’ambiente più rialzista per i progetti GNL in più di un decennio, sebbene l’offerta da questi progetti arriverà e fornirà sollievo solo dopo il 2024

Il piano REPowerEU dell’Unione europea ha fissato un obiettivo ambizioso per ridurre la dipendenza dal gas russo del 66% entro quest’anno, un obiettivo che si scontra con l’obiettivo dell’UE di ripristinare lo stoccaggio del gas all’80% della capacità entro il 1° novembre. Evitando il gas russo, l’Europa ha destabilizzato l’intero mercato globale del GNL che ha iniziato l’anno con un equilibrio precario dopo un tumultuoso 2021.

La decisione di ridurre drasticamente la dipendenza dal gas russo e dal GNL dagli attuali livelli compresi tra il 30-40% trasformerà il mondo mercato del GNL, con conseguente forte aumento della domanda di GNL europea basata sulla sicurezza energetica che i progetti attuali e in fase di sviluppo non saranno in grado di fornire.

L’anno scorso la Russia ha inviato 155 miliardi di metri cubi (Bcm) di gas in Europa, fornendo oltre il 31% della fornitura di gas della regioneSostituire una parte significativa di questo sarà estremamente difficile, con conseguenze di vasta portata per la popolazione, l’economia e il ruolo del gas nella transizione energetica della regione in Europa. Ciò probabilmente creerà anche un boom per i produttori di GNL altrove di dimensioni e durata che non si vedono da oltre un decennio.

Semplicemente non c’è abbastanza GNL in giro per soddisfare la domanda. A breve termine, questo renderà l’inverno duro in Europa. 

Se i flussi russi dovessero interrompersi domani, il gas attualmente in deposito (circa il 35% di pieno) probabilmente si esaurirebbe prima della fine dell’anno, lasciando l’Europa esposta a un inverno brutale. In questo scenario, in assenza di accordi di acquisto congiunti e paesi in competizione per molecole limitate, il prezzo del gas TTF potrebbe salire a oltre $ 100 per milione di unità termiche britanniche (MMBtu), con conseguenti tagli industriali e un diffuso cambio di carburante nel settore energetico.
Abbiamo già visto tagli ai produttori di fertilizzanti, acciaio e carta in Europa, sottolineando il dolore economico che attende. In uno scenario estremo di un inverno molto freddo, nemmeno il settore residenziale sarebbe al sicuro.