Gabanelli incastra Menarini: maxi truffa ai danni dello stato

14 Giugno 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Report, la trasmissione di Milena Gabanelli, ancora una volta è riuscita a svelare una maxi truffa ai danni dello Stato, datata 1984.

Il colpevole sarebbe Alberto Aleotti, patron della Menarini, la più grande azienda farmaceutica italiana. La Procura di Firenze ha scoperto come alcuni medicinali lavorati nello stabilimento della Menarini de L’Aquila, Aleotti li avrebbe comprati dalla farmaceutica americana Bristol-Myers Squibb e dalle giapponesi Meiji, Astra e Fujisawa, attraverso società di comodo create all’estero, per poi però rivenderli alla stessa Menarini ma ad un costo maggiorato.

In questo modo avrebbe consentito di vendere i farmaci e farseli rimborsare dallo Stato a prezzi più alti del dovuto. E così avrebbe accumulato all’estero circa un miliardo di euro che poi ha lasciato in eredità a figli e nipoti.

Alberto Aleotti, il patron della Menarini, è fuori dal processo perché inabile, Lucia Aleotti invece è stata rinviata a giudizio con l’accusa di corruzione nei confronti dei senatore Cesare Cursi e con l’accusa di riciclaggio. Giovanni Aleotti, con l’accusa di riciclaggio. Pier Franco Riva, l’avvocato svizzero di Paolo Aleotti, e Roberto Verga, il titolare della Veco Group, hanno patteggiato la pena per riciclaggio.