Futures USA sforbiciano perdite dopo dati macro

13 Agosto 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Si riducono un po’ le perdite sul mercato dei derivati a stelle e strisce dopo i dati macro da poco diffusi, risultati sostanzialmente in linea con le attese. Il future sull’S&P500 si rialza dai minimi portandosi a 1.077 punti (-0,14%), così come quello sul Nasdaq che lima ora lo 0,27% a quota 1.822. Nel dettaglio, i prezzi al consumo hanno ripreso a salire per la prima volta in quattro mesi grazie agli elevati costi della componente energetica, sebbene le pressioni inflazionistiche rimangano più che sotto controllo data la debolezza dell’economia. Le vendite al dettaglio sono migliorate come non facevano da tre mesi tuttavia, esclusi auto e energia, il dato non è poi così esaltante, a conferma che la congiuntura è ancora zoppicante. In miglioramento invece i salari medi settimanali. L’agenda macroeconomica non è terminata. Alle 15.55 verrà diffuso l’indice sulla fiducia dell’Università del Michigan, mentre alle 16.00 sarà il turno delle scorte industriali.