Futures Usa riducono guadagni dopo Pil e dato sussidi

31 Maggio 2012, di Redazione Wall Street Italia

New York – Futures sui principali indici azionari Usa in rallentamento, ma sempre in rialzo (vedi valori a fondo pagina), segnale che si potrebbe riuscire a ridurre le perdite di maggio, che dovrebbero comunque essere le peggiori sul mese dallo scorso settembre. Euro a $1,2401.

A ridurre i guadagni dell’azionario americano è stata la pubblicazione di due dati deludenti arrivati dal fronte economico degli Stati Uniti, ovvero del Pil del primo trimestre e delle richieste iniziali dei sussidi di disoccupazione. In particolare il dato relativo al prodotto interno lordo degli Stati Uniti è stato rivisto al ribasso a +1,9%, dal +2,2% inizialmente reso noto e rispetto al +3% del quarto trimestre del 2011. L’indicatore è stato inferiore alle attese del consensus, che avevano previsto una revisione al ribasso limitata a +2%.

Notizie no anche dal mercato del lavoro: il numero dei lavoratori Usa che, nella settimana terminata il 26 maggio, ha fatto richiesta per la prima volta per ricevere i sussidi di disoccupazione è balzato infatti di 10.000 unità a 383.000 unità. L’indicatore ha deluso le stime, in quanto gli analisti avevano previsto un calo a 368.000 unità rispetto ai 373.000 della settimana precedente.

Tornando agli indici azionari Usa, da segnalare che nella sola giornata di ieri l’indice S&P500 ha perso -1,4%, a seguito del dato deludente sulle vendite di case con contratti in corso. Da inizio maggio si trova ora a -6,58%. Un più forte -7,45% dai massimi 2012 raggiunti il 2 di aprile. Tuttavia, il listino si trova ancora in rialzo da inizio anno, con un più modesto +2,84%, rispetto al +12% raggiunto agli inizi di aprile.

Tra i titoli, in rialzo Zumiez, dopo segnali di vendite oltre le attese in maggio, con crescita +13,7% rispetto a stime per +6,9%. In calo TiVo dopo l’annuncio di perdite nel primo trimestre, a causa di maggiori costi operativi e spese legali che porteranno la società a un rosso oltre le attese.

Voci di mercato vedono US Airways Group e la società di private equity TPG Capital TPG.UL preparare un’offerta per AMR Corp., la società madre di American Airlines.

Continua la protesta dei lavoratori di Caterpillar nello stabilimento di Joliet, Illinois. Rifiutano l’ultima offerta di contratto giunta da parte della società.

Dal fronte economico degli Stati Uniti, attesi i dati sulla variazione occupazione non agricola alle 14.15, mentre alle 14.30 richieste iniziali dei sussidi di disoccupazione, insieme ai numeri sulla crescita economica. Alle 15.45 indice Pmi di Chicago e fiducia dei consumatori di Bloomberg. Alle 17.00 scorte di petrolio greggio e inventari di prodotti petroliferi.

In ambito valutario, l’euro sul dollaro sale +0,29% a $1,2401, mentre il rapporto euro/yen è in flessione -0,34%, a JPY 97,44. Rapporto dollaro/yen -0,64% a JPY 78,58.

Per terminare la panoramica sui mercati, riguardo alle commodities, i futures sul petrolio scendono dello 0,65% a quota $87,25 al barile. Quotazioni oro -0,14% a $1.564 l’oncia.

Alle 14.57 ora italiana (le 8.57 di New York), i futures sull’indice S&P500 fanno + 2 punti (+0,15%), a 1.310,50 punti.

I futures sul Nasdaq sono in crescita di 22 punti (+0,18%), a 12.403 punti.

I futures sul Dow Jones salgono di 3,50 punti (+0,14%), a 2.534.

Quanto ai Treasury, i rendimenti a 10 anni scambiano all’1,618%, in calo di 1 punto base.