FUTURES USA POSITIVI, OPERATORI PIU’ OTTIMISTI

20 Ottobre 2008, di Redazione Wall Street Italia

Ad un’ora e mezza dall’apertura delle borse i contratti sugli indici Usa trattano in rialzo (vedi quotazioni a fondo pagina) il che lascia prevedere un avvio di settimana positivo per l’azionario.

Gli analisti sono piu’ fiduciosi sugli effetti delle ultime manovre del governo mirate al rilancio del settore finanziario. “La ragione principale per cui crediamo di essere vicini alla fine della fase di panico estremo e’ proprio la determinata risposta politica ad un episodio senza precedenti” dichiarano gli strategist di Credit Suisse.

Il quadro macroeconomico resta pero’ ancora preoccupante. In giornata sara’ diffuso il Superindice per cui e’ attesa una contrazione dello 0.3%. Il presidente della Fed Ben Bernanke sara’ impegnato in un’audizione a Washington sulle attuali condizioni economiche e sui mercati finanziari.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Sul fronte societario, riflettori puntati sul colosso dell’auto General Motors. Il quotidiano “The Detroit News” riporta che la societa’ sarebbe intenzionata a fondersi con Chrysler prima delle elezioni presidenziali del 4 novembre, il “Wall Street Journal” pero’ ritiene che cio’ non sia possibile a causa degli scarsi fondi del gruppo a sostegno dell’operazione.

Nel settore delle utilities, Exelon ha offerto $6.2 miliardi per rilevare NRG Energy: l’eventuale merger darebbe origine al piu’ grosso gruppo energetico americano. Nel comparto hi-tech, il produttore di chip di memoria Sandisk ha raggiunto un accordo con Toshiba sulla vendita di una quota pari al 30% della joint venture relativa alla fabbricazione delle memorie flash. L’azienda diffondera’ la trimestrale dopo la chiusura. A riportare i numeri fiscali in giornata sono anche American Express e Texas Instruments.

Sugli altri mercati, avanza il petrolio: i futures con consegna novembre sono in progresso di $1.95 a $73.80 al barile. Sul valutario, l’euro e’ invariato nei confronti del dollaro a quota 1.34. In recupero l’oro a $799.50 l’oncia (+$11.80). Arretrano infine i Titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ salito al 3.96%.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in rialzo di 15.10 punti (+1.62%) a 948.60.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna +21.25 punti (+1.65%) a 1332.25.

Il contratto sull’indice Dow Jones guadagna 132 punti (+1.50%) a 8903.00.

parla di questo articolo nel Forum di WSI