Futures Usa: nervi tesi a New York aspettando il lavoro

6 Agosto 2010, di Redazione Wall Street Italia

Quando manca un’ora e mezzo all’avvio delle contrattazioni i futures Usa viaggiano in leggero rialzo, (vedi quotazioni a fondo pagina), lasciando intendere un avvio moderatamente positivo.

Tutti gli occhi sono puntati sul rapporto governativo mensile sull’occupazione, relativo al mese di luglio. Il mercato sembra scommettere su risultati piu’ positivi di quelli che gli analisti si aspettano. Le stime parlano di una perdita di 87 mila posti di lavoro dopo i 125 mila persi il mese scorso e di un tasso di disoccupazione in aumento al 9.6% dal 9.5%.

Se vuoi guadagnare anche in fase di ribasso con i titoli e i comparti giusti, segui INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.86 euro al giorno, provalo ora!

Sul fronte societario, la compagnia di assicurazione American International ha archiviato il secondo trimestre con utili pari a $1.99 per utile, a fronte dell’EPS di $1.71 di un anno prima. Gli analisti puntavano su un risultato di 98 centesimi per titolo. Le cifre sono piaciute al mercato con le azioni che fanno un balzo di oltre il 5%. A mercati chiusi pubblichera’ i conti fiscali Berkshire Hathaway.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico i futures sul petrolio con consegna settembre calano dello 0.34% a $82.73. Il derivato con scadenza agosto dell’oro arretra di $2.20 a $1197.10. Sul valutario l’euro cede lo 0.16% a quota $1.3168. Quanto ai Treasury i prezzi del benchmark decennale sono in marginale progresso, con il rendimento che perde lo 0.02% a quota 2.9%.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 segna un rialzo di 1.80 punti a 1125.30 (+0.16%).

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 registra un incremento di 3.75 punti a 1904.75 (+0.2%)

Il contratto sull’indice Dow Jones avanza di 12 punti a quota 10647 (+0.11%).