Futures Usa lasciano sperare bene. Borse Ue ancora su

9 Agosto 2010, di Redazione Wall Street Italia

Prosegue al rialzo in Europa la prima seduta settimanale dei listini azionari: alle 12 circa ora italiana, Londra sale dell’1,42%, Francoforte dell’1,27%, Parigi dell’1,57%, Amsterdam dell’1,41% e Bruxelles dello 0,97%. Bene anche Piazza Affari, che vede il Ftse Mib e l’All Share crescere dell’1,2% circa.

Anche gli investitori americani sembrano determinati a lasciarsi alle spalle la delusione per il rapporto sull’occupazione Usa, reso noto lo scorso venerdì. A tre ore e mezza circa dall’inizio della giornata di contrattazioni a Wall Stret, i futures sul Dow Jones salgono di 37 punti, quelli sul Nasdaq avanzano di 6,25 punti e quelli sullo S&P 50 aumentano di 4,40 punti.

Il sentiment appare dunque positivo, nell’attesa di scoprire cosa farà la Federal Reserve questa settimana: secondo molti analisti, considerato il quadro poco confortante dell’economia americana, Ben Bernanke e colleghi lasceranno i tassi sui fed funds a questi livelli per molto tempo ancora . Ci si chiede comunque se la Fed – il cui braccio di politica monetaria si riunirà nella giornata di domani – annuncerà nuove misure per sostenere la congiuntura.

Intanto in Europa, dove si mettono in evidenza oggi soprattutto i rialzi dei titoli minerari, l’indice benchmark Stoxx Europe 600 Index sale più dell’1%, estendendo i guadagni della scorsa settimana. E’ quanto riporta Bloomberg, precisando come l’indicatore sia salito del 13% rispetto al minimo dell’anno testato lo scorso 25 maggio. Il merito è stato tutto della stagione degli utili, che si è confermata piuttosto solida: il 55% circa delle società facenti parte dello Stoxx 600 ha battuto infatti le previsioni degli analisti.

Guardando poi al caso specifico di Piazza Affari, l’indice di riferimentoFtse Mib e’ salito dell’8,85% tra fine giugno e fine luglio, ma ha ceduto il 9,58% da fine 2009. A rivelarlo è la stessa Borsa Italiana nel tradizionale studio mensile sull’andamento del mercato. Il Ftse All Share ha guadagnato invece l’8,02% tra fine giugno e fine luglio, mentre rispetto al livello di fine 2009 risulta sotto del 9,26%.

Tornando alla seduta odierna, oggi a Piazza Affari si mette in evidenza
soprattutto Fiat , che riporta una performance positiva in attesa dei conti della controllata americana Chrysler nel pomeriggio.

Bene anche Pirelli, che avanza più di un punto percentuale dopo che gli analisti di Goldman Sachs hanno alzato il target price portandolo da 6,93 a 6,99 euro, reiterando il giudizio neutral. Per Société Generale, invece, la raccomandazione resta buy mentre il prezzo obiettivo sale a 6,30 da 5,94 euro.

Tra le banche occhio a Intesa SanPaolo. Poco mossa Saras, nel giorno del cda trimestrale.

Exploit di TerniEnergia, grazie alla sigla di accordi con TRP BV, la Joint Venture Italo-Cinese tra TOLO e SAAE (costituita per realizzare investimenti nel settore fotovoltaico in Italia ed Europa) e MILIS ENERGY, per la progettazione, realizzazione, messa in esercizio, gestione e manutenzione di 2 parchi solari con potenza complessiva di circa 12 MWp per un controvalore di Euro 40 milioni.