Futures Usa incrementano perdite, pesa il maggiore rischio Italia

7 Novembre 2011, di Redazione Wall Street Italia

New York – I futures Usa (dati a fondo pagina) segnalano un’apertura in calo per Wall Street, con l’indice S&P500 che potrebbe estendere la scia negativa, dopo che nelle precedenti 5 sessioni ha registrato la prima variazione settimanale in ribasso da settembre.

Dopo le notizie sul referendum greco, è ora l’Italia a passare al centro dei riflettori. Il mercato è molto scettico sulla possibilità che il paese riesca a gestire l’ingente debito e tale fattore spinge i rendimenti sui titoli a 10 anni ai massimi dall’euro.

“Le notizie in Grecia e in Italia si mettono in primo piano rispetto alle altre”, ha detto Arnaud Scarpaci, fund manager di Agilis Gestion SA a Parigi. “Quello che preoccupa sono i titoli a 10 anni dell’Italia. Li guardiamo con attenzione. Il mercato sembra attendersi una qualche mossa dal governo italiano.

Importantissimo il voto del parlamento italiano domani, per discutere sui tagli previsti dal piano di austerità: si tratta di una sorta di test per il Premier Berlusconi.

Intanto il Primo ministro greco Papandreou ha raggiunto l’accordo con l’opposizione per approvare il nuovo piano di aiuti internazionali, ma mancano ancora tanti dettagli ed aumenta la pressione verso Atene per intervenire con più decisione sul tema.

I ministri delle finanze europei intanto lavoreranno per aumentare la potenza di fuoco del fondo salva-stati, per migliorarne la credibilità verso i mercati entro la fine di novembre.

Boeing e Wal-Mart cedono oltre l’1% nelle contrattazioni tedesche, portando dunque in calo gli altri titoli collegati alla crescita economica. Giù anche Bank of America e Citigroup.

Tra i dati macro, atteso solo il credito al consumo alle 21:00 italiane. Le attese sono per un aumento di $5 miliardi, dopo un calo di $9,5 miliardi ad agosto.

Moneta unica ancora debole sul biglietto verde Usa, a $1,3727 (-0,45%). Euro contro il franco svizzero a CHF 1,2323 (+1%), mentre contro lo yen giapponese è a JPY 107,1805 (-0,63%).

I futures sul greggio Wti sono in leggero rialzo, al momento scambiano a $94,43 (+0,18%). Su di $21 l’oro, che arriva così a $1.777,10 (+1,20%).

Alle 14:41 italiane (8.41 ora di New York), i futures sull’indice S&P500 sono in calo di 8,20 punti (-0,66%), a quota 1.242,90.

Sotto di 8,75 punti i futures sul Nasdaq (-0,37%) a 2.342,25,00 punti.

Giù di 54 punti i futures sul Dow (-0,46%) a 11.886.

Rendimenti dei Tresury a 10 anni stabili al 2,033%.