Futures Usa in rialzo, si preparano al voto di fiducia italiano

8 Novembre 2011, di Redazione Wall Street Italia

New York – Futures Usa in leggero rialzo (dati a fondo pagina), in attesa del voto italiano sul Rendiconto. Autorità europee continuamente alla ricerca di mitigare i timori dei mercati sui problemi in Italia e in Grecia, in questi giorni al centro dei riflettori, nonché sugli altri paesi della periferia.

Nella giornata di ieri Juergen Stark, ex membro del board esecutivo della Banca centrale europea, ha detto di essere convinto che entro i prossimi due anni la crisi nella regione tornerà sotto controllo, senza ulteriore necessità di interventi correttivi.

Intanto ci pensano i buoni risultati giunti dal fronte utili societari a risollevare il sentiment e ad allontanare la possibilità che l’economia globale incroci un nuovo periodo di recessione.

L’indice S&P500 scambia a 12,7 volte gli utili attesi, sotto la media di 14,5 registrata negli ultimi 5 anni. La scorsa settimana il listino ha ceduto il 2,5%, interrompendo dunque un rally durato quattro settimane, vista la riluttanza della Grecia di accettare il nuovo pacchetto di aiuti dalla comunità internazionale e il fallimento dei leaders mondiali di aderire a un piano per aumentare la potenza di fuoco del fondo “salva-stati”.

Hawlett-Packard starebbe pensando di vendere la piattaforma Palm, accordo che consentirebbe di raccogliere centinaia di milioni di dollari, ma comunque meno dei $1,2 miliardi pagati da HP lo scorso anno, secondo quanto affermato da alcune fonti interne alla vicenda.

Richard Fisher, Presidente della Federal Reserve di Dallas, conferma il supporto alla decisione della Fed della scorsa settimana di continuare nel tentativo di portare al ribasso il costo del denaro, ma potrebbe non supportare ulteriori interventi di quantitative easing.

Tra i dati macro, l’indice NFIB sull’ottimismo delle piccole e medie imprese ha visto un rialzo ad ottobre, a 90,2 rispetto a 88,9 nel mese di settembre. Alle 16:00 invece l’indice economico di Ottimismo IBD/TIPP.

Moneta unica in rialzo nei confronti del biglietto verde Usa, pronta a sfondare $1,38, ora a $1,3797 (+0,16%). Euro contro il franco svizzero a CHF 1,2374 (-0,27%), mentre contro lo yen giapponese è a JPY 107,57 (+0,05%).

I futures sul greggio Wti continuano a salire, al momento scambiano a $96,30 (+0,82%). Su di $0,4 l’oro, che arriva così a $1.791,50 (+0,02%).

Alle 14.00 italiane (9.00 ora di New York), i futures sull’indice S&P500 sono in rialzo di 9,5 punti (+0,72%), a quota 1.266,50.

Su di 14,25 punti i futures sul Nasdaq (+0,93%) a 2.391,75 punti.

In salita di 57 punti i futures sul Dow (+0,74%) a 12.096 punti.

Rendimenti dei Tresury a 10 anni su di 1 punto base al 2,052%.