FUTURES USA IN RIALZO DOPO TRIMESTRALI

19 Ottobre 2009, di Redazione Wall Street Italia

Si profila una seduta in rialzo a Wall Street, con i contratti sui principali indici azionari che quando manca un’ora e mezzo all’avvio delle contrattazioni scambiano sopra i livelli della vigilia (vedi quotazioni a fondo pagina) in una settimana che sara’ caratterizzata da una sfilza di conti trimestrali.

Gran parte dei risultati annunciati sinora, tra cui quelli di JP Morgan e Intel, hanno superato le attese degli analisti e nelle prossime sedute altre 135 societa’ renderanno noti i loro conti fiscali. Se puo’ interessarti, in borsa si puo’ guadagnare accedendo alla sezione INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 76 centesimi al giorno, provalo ora!

Il tasso armonizzato di crescita degli utili, che mette insieme le societa’ componenti dell’S&P 500 che hanno riportato risultati pari o superiori alle stime nel terzo trimestre con quelle che non sono riuscite a farlo, e’ migliorato al -22.6% dal -24.6% della settimana precedente.

Questa mattina Sia Eaton che Hasbro hanno annunciato conti fiscali migliori del previsto. A mercati chiusi sara’ la volta di Apple e Texas Instruments.

In un intervento tenuto ieri il presidende della Federal Reserve, Ben Bernanke, ha detto che la crisi finanziaria ha dato modo di capire che e’ necessario affrontare il nodo degli squilibri globali. Sebbene non abbia approfondito l’argomento, la maggior parte della gente l’ha interpretato come un riferimento ai Paesi debitori come gli Stati Uniti, che spendono poco, mentre grazie ai surplus commericali la Cina ha le potenzialita’ per investire somme di denaro piu’ consistenti.

Sul fronte macroeconomico, gli investitori conosceranno le cifre relative ai prezzi immobiliari a cura del NAHB, previste alle 21 italiane. In ambito di notizie societarie il gruppo CIT fa un balzo di quasi il 10% dopo che la societa’ attiva nei prestiti commericali ha annunciato un nuovo piano di ristrutturazione che le potrebbe consentire di scongiurare il ricorso alla bancarotta.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico e’ in progresso il greggio. Al momento i futures con consegna novembre cedono $0.23 a quota $78.30 al barile. Sul valutario cede terreno il dollaro, con l’euro che scambia in calo nei confronti del biglietto verde a quota $1.4923. Avanza nuovamente l’oro: i futures con scadenza dicembre scambiano in rialzo di $2.40 a quota $1053.90 l’oncia. In calo i prezzi dei Titoli di Stato Usa: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ salito al 3.4300% dal 3.4270% di ieri.

Alle 14:40 (le 8:40 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in rialzo di 5.70 punti (+0.53%) a quota 1087.70.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna +8.50 punti (+0.44%) a 1740.00.

Il contratto sull’indice Dow Jones e’ in progresso di 50.00 punti (+0.50%) a 9974.00.

Sullo stesso tema leggere anche gli articoli, analisi e commenti pubblicati da Wall Street Italia nelle ultime settimane:

WALL STREET: ATTENZIONE CHE SIAMO QUASI AL FINALE

WALL STREET: IL RIALZO PIU’ INGANNEVOLE DELLA STORIA

GURU CATASTROFISTI: SI CONSIGLIA SOLO A UN PUBBLICO MATURO

ALERT AZIONARIO: STA NASCENDO UNA BOLLA

FENOMENOLOGIA DEL RALLY DEL BABBEO (A NEW YORK)

BORSA: OBIETTIVI RAGGIUNTI, L’ANALISI TECNICA GETTA LA SPUGNA