FUTURES USA DEBOLI, OCCHI PUNTATI SUI DATI

4 Settembre 2008, di Redazione Wall Street Italia

Ad un’ora e mezza dall’apertura delle borse i contratti sugli indici Usa trattano in rosso (vedi quotazioni a fondo pagina) il che lascia prevedere un avvio negativo per l’azionario.

Gli operatori, sempre piu’ preoccupati circa le prospettive economiche in seguito al deludente rapporto stilato nella giornata di ieri dalla Fed, sono in attesa dei numerosi dati macro che verranno rilasciati nell’arco della giornata. Particolare attenzione sara’ riposta sui numeri relativi al mercato del lavoro (ADP Employment Report e sussidi di disoccupazione), in vista del rapporto occupazionale che sara’ diffuso nel primo pomeriggio di domani.

In calendario sono presenti anche gli aggiornamenti sulla produttivita’ del secondo trimestre (stimata una revisione della lettura preliminare a +3.5%) e sull’indice ISM del comparto servizi. Alle 16:35 ora italiana verranno rilasciati i dati sulle scorte settimanali di greggio. Al momento i futures con consegna ottobre sul petrolio segnano un recupero di $0.73 a $110.08 al barile, dopo esserse scesi per 5 sedute consecutive.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Sul fronte societario, ad occupare la scena in mattinata e’ il settore retail: le societa’ di vendite al dettaglio saranno impegnate nella diffusione dei dati relativi al mese di agosto; il colosso Wal-Mart (WMT) ha gia’ annunciato un aumento, migliore delle attese, del 3%. Nel complesso, stando alle stime dell’International Council of Shopping Centers, le vendite comparate dovrebbero registrare un incremento del 2%.

Tra le altre news, l’azienda costruttrice di case di lusso, Toll Brothers (TOL), ha annunciato una perdita nel terzo trimestre pari a $29 milioni su ricavi in calo del 34% rispetto allo scorso anno. Tra le blue chip, il sindacato dei macchinisti del colosso aerospaziale Boeing (BA) ha rifiutato l’offerta avanzata dalla societa’ ma ha comunque rinviato l’annunciato sciopero.

Sugli altri mercati, sul valutario, l’euro continua a cedere terreno rispetto al dollaro a 1.4467. In ripresa l’oro a $811.30 (+$3.10) l’oncia. Invariati i Titoli di Stato: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ fermo al 3.69%.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in ribasso di 3.60 punti (-0.28%) a 1271.60.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna -7.00 punti (-0.38%) a 1827.25.

Il contratto sull’indice Dow Jones perde 29 punti (-0.29%) a 11512.00.

parla di questo articolo nel Forum di WSI