Società

FUTURES USA CONFERMANO I CALI DOPO I DATI

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

Si prospetta una seduta in ribasso per l’azionario statunitense, con gli indici principali di Borsa che quando manca un’ora e mezzo all’apertura delle contrattazioni scambiano sotto i livelli della vigilia (vedi quotazioni a fondo pagina), afflitti dalla delusione per i risultati di Alcoa e dall’ampliamento superiore alle attese della bilancia commerciale.

Il deficit degli Stati Uniti si e’ allargato in novembre del 9.7% a $36.9 miliardi. Analizzando le singole componenti le esportazioni sono cresciute per il settimo mese consecutivo, ma le importazioni sono aumentate con una maggiore intensita’.

La societa’ leader mondiale nella produzione di alluminio e’ in pesante calo dopo aver riportato utili peggiori del previsto se si escludono gli elementi straordinari. La perdita netta della componente del Dow e’ stata pari a $277 milioni. Nel corso della conference call il CFO Charles McLane Jr. ha precisato che l’azienda ha deciso volontariamente di sacrificare qualcosa a livello di utili, per preservare liquidita’.

Per i tuoi investimenti, segui il feed in tempo reale di Wall Street Italia INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.77 euro al giorno, provalo ora!

Ma a detta degli analisti Alcoa ha dovuto e dovra’ fare i conti con l’impatto delle turbolenza dei tassi di cambio e con la crescita dei costi energetici, a cui si aggiunge l’eventualita che i prezzi dell’alluminio si indeboliscano.

In ambito di notizie societarie, in seguito ad una stagione di spese per le festivita’ positiva, Tiffany ha deciso di alzare l’outlook sugli utili dell’esercizio che si concludera’ il 31 gennaio.

Altro discorso merita invece la casa di videogiochi Electronic Arts, che ha lanciato un profit warning sugli utili del 2010, citando la debolezza del business in Europa. I titoli cedono circa nove punti percentuali.

La societa’ madre di American Airlines, AMR, ha reso noto di avere allo studio un piano per accorrere in soccorso di Japan Airlines, cui intende offrire $2 miliardi spalmati in tre anni.

Mentre Ferrero continua ad intavolare colloqui con le banche con l’obiettivo di tentare la scalata a Cadbury, la produttrice di cioccolato ha respinto un’altra volta l’offerta ostile presentata da Kraft Foods, precisando che la performance del 2009 e’ stata decisamente superiore alle previsioni del mercato.

Relativamente scarno il calendario delle trimestrali, che vede KB Home e Supervalu tra le protagoniste di giornata.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico scambiano in calo le quotazione del greggio. I futures con consegna febbraio cedono $1.45 attestandosi a quota $81.07 al barile. Sul valutario, l’euro si indebolisce a $1.4484 nei confronti del dollaro. In calo l’oro a $1148.60 l’oncia (-$2.80). Avanzano i prezzi dei Titoli di Stato, con il rendimento sul benchmark decennale che e’ sceso al 3.730% dal 3.822% di ieri.

Alle 15:00 (le 9:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in calo di 8.70 punti (-0.76%) a 1133.80.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna -13.25 (-0.70%) a 1870.25.

Il contratto sull’indice Dow Jones arretra di 71.00 punti (-0.67%) a 10533.00.