FUTURES USA CAVALCANO L’ONDA DI DELL

28 Agosto 2009, di Redazione Wall Street Italia

Si profila una seduta positiva per l’azionario americano, con i contratti sui principali indici di Borsa che quando manca un’ora e mezzo al suono della campanella sono orientati in buon rialzo (vedi quotazioni a fondo pagina).

Vuoi sapere cosa comprano e vendono gli Insider di Wall Street? Prova ad abbonarti a INSIDER: costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul link INSIDER

Il mercato guardera’ con attenzione alla nuova serie di dati macro in arrivo, tenendo sotto’occhio al contempo anche i prezzi dell’energia, mentre si segnalano volumi particolarmente sottili nell’ultimo giorno dell’estate.

Gli indici di Borsa vengono da un’altra prova positiva, con il paniere delle blue chip che ha infilato la sua ottava seduta di rialzi: per il Dow si tratta della serie positiva piu’ lunga da aprile 2007.

Secondo gli analisti i listini stanno cercando un motivio per estendere i progressi visti di recente, con i dati positivi che sono gia’ prezzati nel mercato. Nel frattempo si fa sempre piu’ reale il timore che la ripresa dell’economia cinese possa arrivare piu’ tardi del previsto.

La maggior parte degli economisti prevede che la recessione Usa possa finire entro la fine del terzo trimestre e i dati macro in agenda oggi, reddito personale e spese al consumo di luglio, potrebbero offrire segnali proprio in questa direzione. Nel caso dei redditi, il consensus e’ per un rialzo dello 0.1% dopo il calo dell’1.3% visto il mese precedente.

Ma la stima si basa principalmente sull’incremento degli stipendi visto nel rapporto occupazionale, quindi una previsione piu’ credibile potrebbe essere per una flessione dello 0.1%. Quanto alle spese, il consensus e’ per un progresso dello 0.2%, ma il mercato non dovrebbe stupirsi troppo se le cifre finiranno per essere meno solide di quelle viste nell’aggiornamento sulle vendite al dettaglio, aiutate in gran parte dal programma di incentivi “Cash for Clunkers”.

Notizie positive sono giunte in ambito di trimestrali, con Dell (+2.5%) e Tiffany (+7.5%) che hanno battuto le attese sugli utili. La societa’ informatica ha inoltre previsto che il fatturato nella seconda meta’ dell’anno dovrebbe essere piu’ solido di quello registrato nel primo semestre. Corre anche la francese L’Oreal, che pure ha presentato conti superiori alle previsioni.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico il greggio scambia in progresso per la seconda seduta di fila. I futures con consegna settembre guadagnano $0.73 0 a $73.22 al barile. Sul valutario, l’euro si rafforza nei confronti del dollaro a quota $1.4370. Avanza l’oro a $952.30 l’oncia (+$5.00). In calo i Titoli di Stato Usa: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ salito al 3.4900% dal 3.4620% di ieri.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in rialzo di 5 punti (+0.49%) a 1034.30.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna +7.50 punti (+0.46%) a 1646.50.

Il contratto sull’indice Dow Jones guadagna 34 punti (+0.36%) a 9601.00.