FUTURES USA: BUY CON BANCHE E DATI MACRO

7 Maggio 2009, di Redazione Wall Street Italia

A mezz’ora dall’apertura delle borse i contratti sugli indici Usa trattano al rialzo (vedi quotazioni a fondo pagina) il che lascia prevedere un avvio in progresso per l’azionario. Oltre al supporto offerto dall’allungo del comparto finanziario, a spingere i futures negli ultimi minuti sono stati gli aggiornamenti sulla congiuntura Usa che hanno mostrato un incremento della produttivita’ migliore delle attese nel primo trimestre, ed un calo delle nuove richieste di sussidio da parte dei disoccupati la socrsa settimana.

Per il resto, il tono positivo iniziale era stato gia’ stabilito dai risultati sugli stress test, che verranno comunicati ufficialmente in serata, ma che hanno iniziato a circolare gia’ da alcuni giorni . Dalle notizie diffuse dai media si apprende che gli istituti interessati avranno bisogno di nuove infusioni di capitali in misura inferiore rispetto a quanto temuto dalla maggior parte di analisti ed operatori.

Si vocifera su una somma complessiva pari a $75 miliardi, $34 mld dei quali solo per Bank of America, il cui titolo continua a salire in mattinata. Citigroup potrebbe necessitare di $5 miliardi, Morgan Stanley di $1.5 mld. Nessun problema invece per JP Morgan, Goldman Sachs e American Express.

Non ne puoi piu’ della Borsa? Sbagliato, perche’ qualcuno guadagna sempre. Prova ad abbonarti a INSIDER: costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul link INSIDER

Grande incertezza resta invece nel comparto auto. General Motors ha riportato una perdita pari a $6 miliardi nel primo trimestre, a causa del crollo delle vendite. Le attese degli analisti erano comunque peggiori ed il titolo avanza del 5% circa nel preborsa.

Nel settore retail, appare evidente il rallentamento della spesa dei consumatori anche nell’ultimo mese. Tra le aziende che hanno diffuso i dati sulle vendite comparate di aprile, Costco, Urban Outfitters, Limited e Big Lots hanno comunicato un abbassamento dei volumi ad aprile.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico in rialzo il greggio. I futures con consegna giugno guadagnano $1.68 a $58.02 al barile. Sul valutario, avanza l’euro nei confronti del dollaro a quota 1.3368. Guadagnaterreno l’oro a $923.40 l’oncia (+$12.40). Giu’ i Titoli di Stato Usa: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ salito al 3.24%.

Alle 15:00 (le 9:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in rialzo di 7.90 punti (+0.86%) a 925.10.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna +2.75 punti (+0.19%) a 1432.50.

Il contratto sull’indice Dow Jones guadagna 70 punti (+0.83%) a 8541.00.