Futures Usa ben intonati

16 Febbraio 2011, di Redazione Wall Street Italia

Quando manca un’ora e mezza all’avvio delle contrattazioni a Wall Street, i derivati sui principali indici di borsa americani (vedi quotazioni a fondo pagina) viaggiano sopra la parita’, preannunciando una partenza positiva all’indomani di una seduta in rosso.

La seduta e’ iniziata bene sui listini asiatici (per il Giappone massimi da 10 mesi) per poi proseguire all’insegna dei rialzi anche in Europa dove corrono le banche (grazie ai conti di Societe Generale) e c’e’ fermento da M&A con l’accordo di fusione tra la francese Sanofi Aventis e l’americana Genzyme. L’operazione vale $20,1 miliardi in contanti.

Giornata ricca di dati macro in Usa. Nel frattempo le rischieste di prestito immobiliare sono calate del 9,5% nell’ultima settimana dopo la flessione del 5,5% dei sette giorni prima. Focus anche sulla pubblicazione delle Minute relative all’ultima riunione della Fed.

Sugli altri mercati, i futures con scadenza marzo del petrolio segnano un rialzo dello 0,28% a $84,56 il barile. I contratti con scadenza aprile dell’oro guadagnano lo 0,06% a $1.374,90 l’oncia. Sul fronte valutario l’euro sale dello 0,18% a $1,3511. Quanto ai Treasury, il rendimento sul decennale vale il 3,59% dal 3,6160% di ieri.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 sale di 4,30 punti (+0,32%) a quota 1.331.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna +6 punti (+0,25%) in area 2.388.

Il contratto sull’indice Dow Jones sale di 33 punti a quota 12.235 (+0,27%).