FUTURES USA AVANZANO, CONVINCONO LE TRIMESTRALI

2 Febbraio 2010, di Redazione Wall Street Italia

Si preannuncia una seduta in cauto rialzo a Wall Street. A mezz’ora dall’inizio delle contrattazioni i contratti sui principali indici azionari scambiano di poco sopra i livelli della vigilia (vedi quotazioni a fondo pagina).

A mantenere alto il morale degli investitori, che da ieri sono tornati a fare acquisti sul mercato dopo un mese nero per la Borsa Usa, hanno contribuito anche i rialzi visti nelle altre Borse mondiali.

Ma sono soprattutto i conti trimestrali, nel complesso migliori delle attese, a spingere al rialzo, seppure timido, l’azionario. Sorprendono in positivo le cifre fiscali annunciate da UPS, Dow Chemical e Lexmark. BP e Whirlpool hanno invece fatto peggio del consensus nell’ultimo trimestre. La produttrice di lavatrici si e’ pero’ rifatta rivedendo l’outlook per il 2010 e i titoli guadagnano quasi l’1.5%.

Sul fronte macro oggi gli occhi saranno puntati sulle vendite di case con contratti in corso relative al mese di dicembre, sulle vendite di auto di gennaio e l’intervento del segretario del Tesoro Timothy Geithner sul piano fiscale da 3800 miliardi dell’amministrazione Obama.

Gli economisti di Barclays Capital sostengono che la sospensione della vendita di alcune vetture difettose di Toyota non dovrebbero avere un grande impatto sui ricavi del settore in gennaio, che dovrebbero mostrare una crescita del 13% anno su anno.

L’ex presidente della Federal Reserve Paul Volcker, attualmente presidente del comitato consultivo Economic Recovery Advisory Board formato nel febbraio dell’anno scorso per il miglioramento della situazione economica sotto il presidente Obama, interverra’ davanti al Comitato Finanziario del Senato circa il sistema di controllo delle attivita’ ad alto rischio delle banche. Secondo alcune fonti l’udienza dovrebbe svolgersi alle 16 italiane, ma c’e’ anche chi parla delle 20:30.

Per i tuoi investimenti, segui il feed in tempo reale di Wall Street Italia INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.77 euro al giorno, provalo ora!

All’interno della sfera societaria, dopo i conti superiori alle attese di Exxon Mobil, la trimestrale di BP non e’ stata altrettanto solida, risultando inferiore alle stime in gran parte a causa della debole prova della divisione di raffinazione.

A zig zag i titoli Dow Chemical, dopo che il colosso chimico ha riportato utili migliori del previsto. In forte denaro Lexmark International dopo che la seconda maggiore produttrice di stampanti negli Stati Uniti ha fatto meglio delle attese.

Barnes & Noble fa un balzo di quasi 20 punti percentuali dopo che il miliardario Ron Burkle ha sottolineato di voler entrare in possesso di oltre un terzo della quota della venditrice di libri, criticando le limitazioni imposte alla strategia di investimento della societa’.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico salgono i prezzi del greggio. I futures con consegna marzo avanzano di $0.50 attestandosi a quota $74.93 al barile. Sul valutario la moneta unica e’ in rialzo a $1.3938. In progresso anche l’oro a $1111.40 l’oncia (+$6.40). In lieve rialzo i prezzi dei Titoli di Stato, con il rendimento sul benchmark decennale che si attesta al 3.6500% dal 3.6540% di ieri.

Alle 15:00 (le 9:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in rialzo di 1.90 punti (+0.17%) a 1088.20.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna +2.25 (+0.13%) a 1758.00.

Il contratto sull’indice Dow Jones guadagna 14.00 punti (+0.14%) a quota 1051.00.