Futures Usa: atteso avvio positivo. Occhio al livello 1.400 per S&P

7 Agosto 2012, di Redazione Wall Street Italia

New York – Futures sui principali indici azionari Usa in rialzo (vedi valori a fondo pagina), con l’indice S&P500 che potrebbe estendere la fase di rally e salire dunque oltre i massimi in tre mesi. Euro a $1,2437.

L’indice delle 500 società Usa a maggior capitalizzazione è ancora in crescita +9,17% da inizio 2012, dopo aver raggiunto il picco a 1.419,04 punti il 2 aprile scorso Nella giornata di ieri ha chiuso con un rialzo +0,23% a 1.394,23 punti, dunque appena sotto la soglia dei 1.400 punti. E’ questo il livello importante da monitorare, secondo quanto afferma Fawad Razaqzada, strategist del mercato presso GFT Markets.

“La sessione di ieri può essere risultata abbastanza anonima per l’azionario Usa, visto che i mercati hanno segnato una buona performance all’inizio delle contrattazioni, per poi ridurre la maggior parte dei guadagni in chiusura”, precisa l’analista. Detto questo, “sebbene quota 1.400 sia apparsa ieri come una resistenza significativa, nel caso in cui dovesse prevalere il sentiment positivo, allora un superamento di tale livello potrebbe verificarsi”.

In generale, l’ottimismo di fondo è ancora alimentato dalla buona stagione degli utili, visto che il 72% delle società scambiate sullo S&P 500 che hanno comunicato gli utili del secondo trimestre, stando a quanto riporta Bloomberg, hanno battuto le attese.

Miste invece le principali borse europee, con Milano che comunque estende i rialzi, nonostante la contrazione superiore alle attese del Pil italiano nel secondo trimestre 2012. Occhio ai tassi sui BTP decennali, non molto distanti dalla soglia psicologica del 6%.

Riguardo ai dati che sono arrivati in generale dal fronte economico europeo, da segnalare il dato tedesco sugli ordinativi alle fabbriche, in calo ia giugno, rispetto al mese precedente, e le vendite al dettaglio nel Regno Unito, che sono invece salite a luglio, complice l’inizio dei giochi olimpici e il loro contributo positivo allavendita di cibi e bevande.

Scoppia intanto il caso di Standard Chartered, la banca britannica che rischia di vedersi revocare la licenza nello stato di New York. L’istituto è stato accusato dalle autorità Usa di aver concluso transazioni per un valore di $250 miliardi con l’Iran, violando le norme anti-terrorismo vigenti negli Stati Uniti.

Sotto i riflettori Chevron, dopo che un incendio è divampato in un grande raffineria della società nella giornata di ieri. Potrebbero esserci conseguenze dirette anche alla pompa di benzina per i consumatori Usa.

DreamWorks Animation e la joint venture cinese annunciano l’apertura di un parco tematico a Shanghai entro il 2016, con un investimento totale sui $3,14 miliardi.

Tra gli utili CVS Caremark (CVS), il numero uno dei fornitori di farmaci per prescrizione medica negli Usa, ha battuto le attese. Titolo in rialzo in premercato fino a +2,2%. Chesapeake (CHK) Energy, il secondo maggior produttore di gas naturale negli Stati Uniti, ha riportato i profitti, su base trimestrale, più alti della sua storia: le quotazioni salgono +5%. La maggiore società di radio satellitare Sirius (SIRI), inoltre, vede il titolo salire dopo aver rivisto al rialzo l’outlook sugli utili annuali.

Dal fronte economico degli Stati Uniti, attesi i dati sul credito al consumo alle 21.00 ora italiana.

In ambito valutario, l’euro in rialzo sul dollaro a $1,2416 (+0,13%). Rapporto dollaro/yen +0,36% a quota JPY 78,52, mentre euro/yen +0,52% a JPY 97,52.

Per terminare la panoramica sui mercati, riguardo alle commodities, i futures sul petrolio su +0,55%, a quota $92,71 al barile, mentre le quotazioni dell’oro a $1.618,90 l’oncia (+0,17%).

Alle 15.00 ora italiana (le 9.00 di New York), i futures sull’indice S&P500 avanzano +0,50%.

I futures sul Nasdaq su +0,70%.

I futures sul Dow Jones salgono +0,30%.

Quanto ai Treasury, i rendimenti a 10 anni scambiano all’1,60%, in rialzo +2,75%.

GUARDA VIDEO Parla Brian Belski, responsabile strategist per gli investimenti presso BMO Capital Markets. Azionario vicino a “un grande mercato toro”