FUTURES USA ANCORATI SUI MINIMI DI DUE MESI

8 Luglio 2009, di Redazione Wall Street Italia

Si preannuncia una seduta incerta per l’azionario americano, con i futures sui princiapli indici della Borsa che quando manca un’ora e mezza all’avvio delle contrattazioni scambiano sui livelli minimi di due mesi toccati ieri (vedi quotazioni a fondo pagina).

Vuoi sapere cosa comprano e vendono gli Insider di Wall Stret? Prova ad abbonarti a INSIDER: costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul link INSIDER

A mercati chiusi i trader conosceranno i risultati di Alcoa, che attendono con impazienza per vedere se il gigante dell’alluminio potra’ infondere nuova fiducia ad un mercato da un po’ di tempo in difficolta’.

I cali di ieri sono giunti in vista della stagione delle trimestrali, che prende il via quest’oggi. Stando alle previsioni degli analisti nel periodo aprile-giugno il colosso produttore di metalli dovrebbe chiudere in calo per il terzo trimestre consecutivo. Per quanto riguarda le societa’ componenti l’S&P 500, gli economisti si aspettano in media un calo degli utili del 36%.

Sotto il profilo tecnico, lo scenario si presenta piuttosto cupo. Peter Eliades, autore della newsletter di Stockmarket Cycles, ha riferito che il mercato ha rotto “con convinzione” dei livelli chiave e pertanto l’S&P 500 potrebbe scivolare sino a quota 822 punti.

Mentre i leader del Gruppo degli Otto sono impegnati nel primo giorno del summit a L’Aquila, in calendario macro non sono previsti appuntamenti appuntamenti di rilievo. Alle 21 italiane il mercato conoscera’ i numeri relativi al credito al consumo di maggio.

Sul fronte societario NRG Energy ha rifiutato l’offerta migliorata lanciata da Exelon, che ha messo sul piatto $8 miliardi in titoli, sostenendo che sottovaluta il valore reale dell’azienda.

Sotto i riflettori il gigante Internet Google, che ha annunciato il lancio del sistema operativo di sua proprieta’. Inizialmente pensato per i portatili, il programma verra’ montato anche sui Pc, nel tentativo di sfidare Microsoft sul suo terreno. In seguito alle notizie ill gigante del software scambia in rialzo dello 0.5%, mentre Google corre dell’1.5%.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico le quotazioni del greggio scivolano per la sesta seduta consecutiva, la serie negativa piu’ lunga da dicembre. I futures con consegna agosto sono in calo di $0.40 a $62.53 al barile.

Sul valutario, l’euro scambia in progresso nei confronti del dollaro, attestandosi a quota 1.3909. Cede terreno l’oro, a $921.00 (-$8.10) l’oncia. In rialzo i prezzi dei Titoli di Stato Usa: il rendimento sul benchmark decennale e’ sceso a 3.4500 dal 3.4600% di martedi’.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto futures sull’indice S&P 500 e’ in rialzo di 1.30 punti (+0.15%) a 880.60.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna +2.50 (+0.18%) a 1410.50.

Il contratto sull’indice Dow Jones guadagna 3.00 punti (+0.04%) a 8134.00.