FUTURES: TORNA L’OTTIMISMO DA FUSIONI SOCIETARIE

8 Gennaio 2007, di Redazione Wall Street Italia

A un’ora e mezza dall’apertura delle borse, i contratti sugli indici Usa sono in positivo.

Dopo aver chiuso la seduta di venerdi’ in rosso, a causa di un forte incremento dell’occupazione a dicembre che ha allontanato l’avvio di una politica monetaria meno restrittiva da parte della Fed, i futures tornano a trattare in leggero rialzo.

Il petrolio e’ in leggero rialzo in mattinata, cercando di recuperare parte del terreno ceduta nei primi giorni di scambi del 2007. Al momento i futures con scadenza febbraio segnano un progresso di 55 centesimi e vengono scambiati a $56.86 al barile. L’Arabia Saudita ha dichiarato di voler effettuare interamente il taglio alla produzione deciso nel meeting dell’OPEC, senza escludere ulteriori modifiche alla quantita’ di output.

Il comparto delle commodities continuera’ ad attrarre maggiore attenzione da parte degli investitori. Energia e materiali rappresentano circa il 45% dell’indice S&P500, e non e’ insolito assistere ad un ribasso di una consistente parte dell’azionario quando il prezzo delle commodities e’ in calo, anche se alcuni settori beneficiano dalla flessione del costo delle materie prime.

Molto importante a proposito sara’ l’outlook che verra’ emesso dal gigante dell’alluminio Alcoa, che proprio domani dara’ inizio ala stagione degli utili.

Intanto nel comparto energetico si e’ assistito ad una serie di accordi societari, che come al solito rappresentano un segnale di forza per le borse. La conglomerata industriale General Electric ([[GE]]) ha raggiunto un accordo per l’acquisto di Vecto Gray, fornitore di attrezzatura utilizzata nei processi di trivellazione, per un controvalore di $1.9 miliardi.

Forest Oil ([[FST]]) ha rilevato Houston Exploration ([[THX]]) ad un prezzo di $1.5 miliardi da pagarsi in titoli e contanti.

Hai gia’ provato le quotazioni in tempo reale e il book a 15 livelli del NASDAQ? Scopri le eccezionali performance di questo tool, vai su INSIDER

Sugli altri mercati, sul valutario l’euro e’ stabile rispetto al dollaro a quota 1.3014. L’oro e’ stabile anch’esso (+$0.90) a $610.20 all’oncia. In calo i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.66%.

Alle 13:45 (le 7:45 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 guadagna 1.90 punti a 1418.30.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna +1.25 punti a 1798.50.

Il contratto sull’indice Dow Jones e’ in rialzo di 15.00 punti a 12465.