FUTURES SU: VERSO SETTIMA SEDUTA POSITIVA DI FILA

29 Dicembre 2009, di Redazione Wall Street Italia

Si prospetta un’altra seduta positiva per l’azionario americano, con i contratti sugli indici principali di Borsa che quando mancano due ore all’apertura delle borse scambiano in rialzo (vedi quotazioni a fondo pagina).

Mentre la fine del 2009 si avvicina e i volumi restano molto sottili, oggi a dettare l’andamento della seduta potrebbero essere i dati macro e in particolare l’indice sulla fiducia dei consumatori.

Dal punto di vista prettamente tecnico, con il Dow Jones che scambia in prossimita’ dei 10.560 punti, i trader terranno sotto stretta osservazione qualsiasi tentativo dell’indice di tornare sotto il prossimo supporto in area 10.520.

Dopo il buon risultato annunciato ieri da parte delle societa’ di vendite al dettaglio nel periodo degli acquisti natalizi, oggi gli operatori otterranno ulteriori indicazioni sull’andamento dei consumi, con l’indice sulla fiducia dei consumatori americani a cura del Conference Board che verra’ reso noto alle 16 italiane.

Per i tuoi investimenti, segui il feed in tempo reale di Wall Street Italia INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.77 euro al giorno, provalo ora!

Secondo le stime l’indice dovrebbe aver registrato unprogresso a 54.0 da 49.5 rispetto a novembre. E’ da maggio che la cifra rimane in un range ristretto, con gli americani che, ancora preooccupati di perdere il posto di lavoro, preferiscono pensarci due volte prima di mettere mano al portafogli. Alle 15 italiane sara’ invece pubblicato l’indice dei prezzi immobiliari Case-Shiller

A polarizzare l’attenzione tra i settori saranno sopratutto i finanziari, dopo che l’analista di Bank of America Merrill Lynch, Guy Moszkowski, ha deciso di tagliare le stime sugli utili trimestrali delle societa’ di brokeraggio Usa, citando un rallentamento delle attivita’ di trading a meta’ novembre. Le previsioni sull’EPS del quarto trimestre di Goldman Sachs sono state riviste a $5.74 da $6.57, quelle su Morgan Stanley a 40 centesimi da 47 e su J.P. Morgan Chase a 68 centesimi da 71 cents.

Nel frattempo secondo a quanto si apprende dal Financial Times, JP Morgan probabilmente preferira’ non portare a termine il piano per la costruzione di una nuova sede europea a Londra da 1.5 miliardi di sterline, per via delle preoccupazioni suscitate dalla decisione del governo britannico di tagliare del 50% i bonus ai top manager degli istituti finanziari.

Restando in ambito di notizie societarie, il Wall Street Journal riporta che General Motors starebbe offrendo incentivi enormi ai suoi commercianti che hanno i diritti in esclusiva sui marchi Pontiac e Saturn, per accelerare la vendita delle vetture rimaste.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico in ribasso il greggio. I futures con consegna gennaio cedono $0.40 a $78.37 al barile. Sul valutario, l’euro scambia in rialzo a $1.4445 nei confronti del dollaro. In calo l’oro a $106.30 l’oncia (-$1.60).

Alle 13:30 (le 7:30 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in rialzo di 4.00 punti a 1127.10.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna +5.75 a 1880.25.

Il contratto sull’indice Dow Jones guadagna 31 punti a 10518.00.