FUTURES STABILI: SETTIMANA NEL SEGNO DELLA FED

29 Gennaio 2007, di Redazione Wall Street Italia

A un’ora e mezza dall’apertura delle borse, i contratti sugli indici Usa sono piatti.

In giornata non sono attesi dati economici di rilevante importanza, ragion per cui la direzione dei listini potrebbe dipendere largamente dagli utili societari e dalle notizie di mergers & acquisitions.

Inoltre, gli operatori continueranno a mantenere un atteggiamento cauto in vista dell’incontro della Fed, mercoledi’ prossimo, da cui potranno emergere nuove indicazioni sul futuro corso dei tassi alla luce dei robusti dati macro comunicati recentemente.

Sul fronte societario, la trimestrale di Verizon ([[VZ]]) si e’ rivelata leggermente migliore delle attese degli analisti, con profitti in calo rispetto allo scorso anno. Nel preborsa sale Microsoft ([[MSFT]]), alla vigilia del lancio del nuovo sistema operativo Vista, da molti considerato come un catalizzatore per l’intero comparto tecnologico.

Sulle notizie di M&A, sotto i riflettori potrebbero finire le azioni di Bristol-Myers Squibb ([[BMY]]) sulle voci di una possibile unione con Sanofi-Aventis (SASY) che potrebbe dare origine alla piu’ grossa azienda farmaceutica mondiale.

La versione online del Wall Street Journal, inoltre, ha riportato una notizia secondo cui U.S. Airways Group ([[LLC]]) potrebbe rilanciare l’offerta per il rilevamento di Delta Air Lines ([[DALRQ]]), aumentandone il valore di oltre un miliardo di dollari.

Un ritracciamento del greggio dai recenti massimi potrebbe fornire un limitato supporto ai listini. Nelle contrattazioni elettroniche i futures con scadenza marzo segnano un ribasso di 49 centesimi e vengono scambiati a quota $54.93.

Hai gia’ provato le quotazioni in tempo reale e il book a 15 livelli dei 3200 titoli NASDAQ e dei 2764 titoli NYSE? Non morire di noia con le 299 azioni di Borsa Italiana, scopri le eccezionali performance di BOOK NASDAQ, clicca su INSIDER

Sugli altri mercati, sul valutario l’euro e’ invariato nei confronti del dollaro, a quota $1.2916. L’oro perde di $2.70 a 648.80 all’oncia. Recuperano terreno i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ sceso al 4.87%.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P e’ invariato a 1472.50.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna +0.25 punti (0.1%) a 1779.50.

Il contratto sull’indice Dow Jones e’ in progresso di 7 punti (0.06%) a 12530.