FUTURES: SI ESTENDE IL RALLY, S&P +3.90%

19 Settembre 2008, di Redazione Wall Street Italia

Ad un’ora e mezza dall’apertura delle borse i contratti sugli indici Usa trattano in forte rialzo (vedi quotazioni a fondo pagina) il che lascia prevedere una continuazione del poderoso rally partito ieri sull’azionario.

E’ tornato a prevalere un minimo (relativamemte parlando) di ottimismo tra gli operatori dopo le ultime mosse della Fed, del governo Usa e della Sec, mirate a proteggere ulteriormente gli investitori e permettere alle banche in difficolta’, un piu’ semplice superamento della crisi. La creazione di uno strumento del tipo RTC, come annunciato dal segretario al Tesoro Paulson, ripulira’ i bilanci delle banche dagli asset “cattivi”, mentre le nuove regole emesse dalla Sec, impediranno ai ribassisti di sfruttare determinate pratiche per speculare sui prezzi delle azioni finanziarie.

“La Commissione e’ disposta ad utilizzare tutte le possibili armi in arsenale per conbattere la manipolazione del mercato che minaccia gli investitori ed i mercati dei capitali” ha annunciato il presidente della Sec, Christopher Cox. “L’ordine di emergenza temporanea che evitera’ lo ‘short selling’ dei titoli finanziari riportera’ l’equilibrio sui mercati”.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Dopo il forte rally di ieri, prosegue anche in mattinata l’ottimo recupero delle azioni delle banche d’affari direttamente coinvolte. Goldman Sachs e’ schizzata +28% nel preborsa, anche Morgan Stanley, fino a ieri alla disperata ricerca di un accordo per la vendita di una quota del gruppo, guadagna il 30% circa. Il colosso dell’auto General Motors, che pure aveva una notevole esposizione sul disastrato comparto dei mutui attraverso il braccio finanziario GMAC, e’ salito +20% nel pre-market.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico, estende i guadagni il petrolio. Al momento i futures con consegna ottobre segnano un progresso di $2.54 a $100.42 al barile. Sul valutario, l’euro e’ in ribasso rispetto al dollaro a quota 1.4214. In netto calo l’oro a $843.50 l’oncia (-$53.50) un calo pari a -5.6%, con minimi intraday di $828.50 (per un ribasso -7.6%). Tonfo dei Titoli di Stato Usa: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ schizzato al 3.70%.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in rialzo di 47.10 punti (+3.91%) a 1250.30.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna +43.25 punti (+2.53%) a 1751.25.

Il contratto sull’indice Dow Jones guadagna 325 punti (+2.96%) a 11310.00.

parla di questo articolo nel Forum di WSI