Futures segnalano avvio in lieve calo per Wall Street

16 Settembre 2011, di Redazione Wall Street Italia

New York – Wall Street si prepara a fare dietrofront, dopo i rialzi seguiti all’annuncio delle banche centrali , volte a iniettare nel sistema finanziario una quantità illimitata di liquidità. E’ la prima volta dal 2007 che si assiste di nuovo a un intervento coordinato.

Gli occhi continuano a essere puntati ancora all’Europa: si aspettano nuove dichiarazioni dall’Eurogruppo, che si è riunito in Polonia oggi. Presente anche il segretario americano Timothy Geithner. Attesa inoltre negli Stati Uniti per la pubblicazione dell’ indice di fiducia stilato dall’Università del Michigan, in calendario alle 15,55 ora italiana.

Dal fronte aziendale, arrivano indiscrezioni secondo cui la società di private equity starebbe considerando di fare un’offerta per l’acquisizione della società internet Yahoo.

Occhio anche a Research In Motion, che ieri nelle contrattazioni afterhours hanno perso il 10%, dopo che la società ha comunicato di aver riportato un forte calo negli utili trimestrali.

Sul fronte valutario l’ euro, che ieri era arrivato a salire fino a quota $1,39 dopo la notizia dell’intervento coordinato delle banche centrali – che è il primo dal 2007 – ritraccia oggi nei confronti del dollaro a $1,377(-0,75%), perdendo anche nei confronti dello yen a 105,76 (-0,72%) e scendendo dello 0,14% contro il franco svizzero a CHF 1,2058. Leggi qui l’outlook sulla moneta unica.

I futures sul petrolio scendono dello 0,22%, a quota $89,20 al barile, mentre le quotazioni dell’oro guadagnano lo 0,49%, a $1.790,2 l’oncia.

Intanto alle 15.00 (le 9.00 ora di New York) il future sull’indice S&P500 scende di 3 punti (-0,25%), a quota 1.201,20.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 e’ in flessione di 3 punti (-0,25%), a 2.281.

Il contratto sull’indice Dow Jones arretra di 27 punti (-0,24%), a 11.348.

I rendimenti dei Treasury a 10 anni sono in calo al 2,081%.