FUTURES: RIMBALZO DOPO IL SELLOFF DI MARTEDI’

29 Marzo 2006, di Redazione Wall Street Italia

A circa un’ora e mezza dall’apertura delle borse, i contratti sugli indici Usa sono positivi.

Il rimbalzo arriva subito dopo il selloff che ha colpito gli indici nelle ultime ore di contrattazioni di martedi’, in seguito al rilascio della decisione della Fed sui tassi d’interesse. Come ampiamente atteso, la Banca Centrale americana ha alzato, per la quindicesima volta consecutiva, il costo del denaro, portandolo al 4.75%.

A deludere gli operatori e’ stata, pero’, la mancanza di alcuni segnali che potessero indicare la vicina fine del coclo rialzista, avviato nel giugno 2004. A causa degli elevati prezzi energetici e della crescente utlizzazione delle risorse, la Fed ha dichiarato che ulteriori strette creditizie potrebbero essere ancora necessarie.

In mattinata, ad offrire supporto ai listini e’ il ritracciamento del greggio, riportatosi sotto la soglia dei $66. Nelle contrattazioni elettroniche, i futures con consegna maggio segnano un calo di 33 centesimi a quota $65.74 al barile. Alle 17:30 ora italiana verranno rilasciati i dati settimanali sulle scorte. Le attese degli analisti sono per un aumento delle riserve di greggio, ma per un calo di quelle di benzina e prodotti distillati.

Sul fronte societario, attenzione ancora rivolta a General Motors. Il colosso dell’auto, dopo aver annunciato nuovi tagli di posti, ha dichiarato che la cessione di una considerevole quota del braccio finanziario, GMAC, non sembra essere garantita: le trattative degli ultimi giorni si potrebbero svanire in un nulla di fatto.

Luci accese anche sulla societa’ informatica Apple Computer, a causa delle notizie relative a cambiamenti interni (partenza del CTO). Il titolo e’ poco variato nel preborsa (+0.7%).

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, invariati i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.78%. In flessione l’oro (-$3.70): i futures con scadenza giugno sono a quota $563.30 all’oncia. Stabile l’euro nei confronti del dollaro: il cambio e’ a quota $1.2006.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 e’ in rialzo di 2.10 punti a 1304.50 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq avanza di 3.00 punti a 1694.00

Il contratto sull’indice Dow Jones guadagna 26 punti a 11246.