Società

FUTURES: POSSIBILE SUPPORTO DALLE OPERAZIONI M&A

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

A un’ora e mezza dall’apertura delle borse americane, i contratti futures sugli indici Usa si muovono sulla linea di parita’. (vedi quotazioni a fondo pagina) con una leggera inclinazione ad un’apertura positiva per l’azionario.

Anche se non ci sono rapporti di rilievo sugli utili aziendali per giustificare la predisposizione positiva del mercato, qualche trader mette in evidenza che ha avuto certamente un buon effetto a Wall Street l’accoglienza della prima IPO relativa a un hedge fund quotato americano (vedi dettagli in Insider, Titoli Caldi).

Ad offrire supporto ai mercati, dopo le perdite di ieri, potrebbero essere le attivita’ di takeover e gli accordi societari. La piu’ grossa compagnia inglese operatrice di autobus, FirstGroup ([[FGP]]), ha raggiunto un accordo per l’acquisto di Laidlaw International ([[LI]]), la societa’ americana che gestisce la linea Greyhound (i famosi autobus), per un corrispettivo di $2.8 miliardi piu’ l’ammontare del debito.

La banca d’affari Goldman Sachs potrebbe avanzare un’offerta da $19 miliardi per un nuovo fondo di private-equity; si tratterebbe di una cifra record per questo tipo di operazioni da parte di una grande banca internazionale. In sistanza gli operatori a New York giudicano in maniera positiva le operazioni di M&A e ritengono che possano stabilire il tono positivo in giornata, soprattutto in assenza di dati economici.

APPENA 299 TITOLI QUOTATI SU BORSA ITALIANA, BEN 5.964 TITOLI QUOTATI SU NASDAQ E NYSE. CHE ASPETTI? E QUI SU WALL STREET ITALIA TROVI LE QUOTAZIONI IN TEMPO REALE E IL BOOK A 15 LIVELLI DI TUTTE LE AZIONI AMERICANE! CLICCA SU >>>[TOTALVIEW]<<< ALL'INTERNO DI INSIDER

Nel comparto dell’auto, sotto i riflettori dovrebbero essere i colossi General Motors ([[GM]]) e Ford ([[F]]), grazie all’upgrade a Buy emesso dagli analisti di Deutsche Bank.
A subire pressioni di vendita potrebbe essere, invece, la societa’ biotech InterMune ([[ITMN]]), a causa della perdita nell’ultima trimestrale riportata nell’after-hour di ieri. Il titolo arretra del 3% circa.

Nel settore energetico, il petrolio e’ tornato a flirtare con la soglia psicologica dei $60, rompendo la resistenza, per un breve periodo, per la prima volta da oltre un mese. Negli ultimi minuti ha ritracciato, scendendo di 17 centesimi a quota $59.54. Un ritorno sull’importante livello potrebbe spingere al rialzo in borsa le azioni delle societa’ energetiche.

Sul valutario l’euro e’ in calo nei confronti del dollaro a quota $1.3004. L’oro e’ stabile $662.80 l’oncia. In ribasso i titoli di Stato Usa: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ salito al 4.75%.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in progresso di 0.10 punti (0.01%) a 1454.00.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 e’ segna +0.25 punti (0.02%) a 1822.

Il contratto sull’indice Dow Jones avanza di 1 punti (0.01%) a 12673.