FUTURES POSITIVI, TONICO IL NASDAQ CON APPLE

26 Aprile 2007, di Redazione Wall Street Italia

Ad un’ora e mezza dall’apertura delle borse i contratti sugli indici Usa trattano nuovamente al rialzo (vedi quotazioni a fondo pagina) il che lascia prevedere un’estensione del rally per l’azionario.

A sostenere gli acquisti in mattinata sono ancora le buone trimestrali societarie. Ieri un mix di risultati aziendali positivi e dati macro incoraggianti ha reso possibile al Dow Jones il superamento della soglia psicologica dei 13000 punti per la prima volta nella storia.

A sembrare maggiormente tonico nel preborsa e’ il comparto tecnologico, spinto dall’ultimo bilancio fiscale del colosso informatico Apple ([[AAPL]]), che si e’ attestato facilmente sopra le attese degli analisti: il titolo e’ schizzato di oltre l’8% nell’after hour di ieri. Archiviata la pratica delle stock option, gli analisti sono sempre piu’ ottimisti sulla societa’, in vista del lancio del rivoluzionario telefono cellulare iPhone e del nuovo sistema operativo Leopard.

Risvolti positivi anche nel comparto dell’auto con il titolo Ford ([[F]]) salito di oltre tre punti percentuali dopo aver riportato un calo delle perdite dovuto ai nuovi piani strategici adotatti dal gruppo, mirati ad un sensibile taglio dei costi.

Tra le societa’ di rilievo che riporteranno i risultati trimestrali in giornata si distinguono la conglomerata industriale 3M ([[MMM]]), il gigante petrolifero Exxon Mobil ([[XOM]]) e Microsoft ([[MSFT]]).

Nel comparto ristorativo, in forte rialzo Wendy’s International ([[WEN]]) dopo aver annunciato di essere alla ricerca di alternative strategiche che non escludono la vendita dello stesso gruppo. L’azione e’ salita del 10% circa prima dell’avvio.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, nel comparto energetico il petrolio sta cedendo parte dei forti guadagni registrati nella giornata di ieri. Nelle contrattazioni elettroniche i futures con consegna giugno arretrano di 41 centesimi a $65.43 al barile.

Sul valutario, l’euro e’ in calo nei confronti del dollaro a quota 1.36 netti. In ribasso di $2.80 l’oro a quota $684.60 all’oncia. Invariati i titoli di Stato Usa: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ fermo al 4.66%.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in progresso di 3.40 punti (+0.23%) a 1504.20

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna +10.50 punti (+0.55%) a 1904.50.

Il contratto sull’indice Dow Jones guadagna 42 punti (+0.33%) a 13162.