FUTURES POCO MOSSI, PIOGGIA DI TRIMESTRALI

22 Ottobre 2009, di Redazione Wall Street Italia

Si profila una seduta esitante a Wall Street, con i contratti sui principali indici azionari che quando manca un’ora e mezzo all’avvio delle contrattazioni sono contrastati (vedi quotazioni a fondo pagina) nel giorno in cui 57 societa’ componenti l’S&P 500 renderanno noti i loro conti fiscali.

I dubbi sulla sostenibilita’ del rally di sette mesi continuano a tormentare il mercato, il giorno dopo che i listini hanno chiuso in ribasso appesantita dal downgrade degli analisti su Wells Fargo e dai tagli ai prezzi di Wal-Mart Stores, alimentando le preoccupazioni circa la salute delle banche e una potenziale spirale deflativa.

Oggi i dati in arrivo dalla Cina hanno mostrato un’espansione della crescita economica dell’8.9% nel terzo trimestre, una cifra superiore alle attese e la maggiore dell’anno. I dati si portano pero’ con se’ i timori che il governo di Pechino potrebbe opater presto per adottare una stretta in materia di politiche economiche. Gli analisti prevedono una exit strategy dei piani di rilancio economico e secondo alcuni c’e’ persino il rischio che si formi una bolla.

Sul fronte macro in Usa gli occhi saranno puntanti sugli aggiornamenti relativi alle nuove richieste di sussidi di disoccupazione settimanali, al superindice di settembre e agli interventi di un gruppo di esponenti della Fed. Se puo’ interessarti, in borsa si puo’ guadagnare accedendo alla sezione INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 76 centesimi al giorno, provalo ora!

Il calendario delle trimestrali e’ ricco di appuntamenti: tra le aziende che renderanno noti i conti fiscali figurano AT&T, 3M, Merck e McDonald’s. Dow Chemical (+2%) intanto ha registrato un balzo dei profitti del 66%, superiore alle attese, mentre The Travelers (+4%), oltre ad aver battuto le stime degli analisti, ha deciso di alzare il dividendo del 10% e incrementare il suo programma di riacquisto di azioni di altri $6 miliardi. Gli utili della compagnia di assicurazione sono piu’ che quadruplicati nel periodo.

Ieri a mercati chiusi eBay ha annunciato una flessione degli utili del 29% e ha una guidance deludente per il quarto trimestre. Anche Amgen potrebbe essere messa sotto pressione dopo aver riferito che, prima di poter concedere la sua approvazione, l’autorita’ di controllo Usa vuole ottenere ulteriori informazioni circa un farmaco contro l’osteoporosi

Nel Vecchio Continente ai profitti piu’ alti del previsto dell’istituto svizzero Credit Suisse, hanno fatto da contraltare la contrazione del 74% dei profitti del gigante delle apparecchiature e dispositivi di telecomunicazione Ericsson. Le cifre sono risultate inferiori al previsto.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico debole il greggio. Al momento i futures con consegna dicembre perdono $0.57 a quota $80.80 al barile. Sul valutario recupera terreno il dollaro, con l’euro che scambia in ribasso nei confronti del biglietto verde a quota $1.4992. Arretra anche l’oro: i futures con scadenza dicembre scambiano in flessione di $5.90 a quota $1058.60 l’oncia. Rimbalzano i prezzi dei Titoli di Stato Usa: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ sceso al 3.3900% dal 3.4110% di ieri.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in ribasso di 1.10 punti (-0.1%) a quota 1077.00.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna -4.50 punti (-0.26%) a 1748.75.

Il contratto sull’indice Dow Jones e’ in progresso di 3.00 punti (+0.03%) a 9904.00.

Sullo stesso tema leggere anche gli articoli, analisi e commenti pubblicati da Wall Street Italia nelle ultime settimane:

WALL STREET: ATTENZIONE CHE SIAMO QUASI AL FINALE

WALL STREET: IL RIALZO PIU’ INGANNEVOLE DELLA STORIA

GURU CATASTROFISTI: SI CONSIGLIA SOLO A UN PUBBLICO MATURO

ALERT AZIONARIO: STA NASCENDO UNA BOLLA

FENOMENOLOGIA DEL RALLY DEL BABBEO (A NEW YORK)

BORSA: OBIETTIVI RAGGIUNTI, L’ANALISI TECNICA GETTA LA SPUGNA