FUTURES: OTTIMISMO SU UTILI MA PREOCCUPA IL GREGGIO

17 Aprile 2006, di Redazione Wall Street Italia

A un’ora e mezza dall’apertura delle borse, i contratti sugli indici Usa sono contrastati.

Buone notizie sono giunte con la trimestrale di Citigroup, la piu’ grossa banca d’affari americana, che ha riportato un aumento dei profitti, diffondendo cosi’ maggiore ottimismo sulla stagione degli utili. L’avanzamento del greggio, pero’, vicino alla soglia dei $70, potrebbe avere un riflesso negativo sul sentiment degli investitori.

Nel primo trimestre, Citigroup ha registrato un aumento dei profitti del 4%, riportando un EPS di $1.12 (lo scorso anno fu di $1.04), grazie soprattutto all’aumento dei ricavi derivanti dalle operazioni estere. La societa’ ha anche annunciato un nuovo piano di riacquisto di azioni proprie per un valore di $10 miliardi. Il comparto finanziario continuera’ ad essere sotto osservazione date le attese trimestrali di JP Morgan, Bank of America e Merrill Lynch.

Sono molte le societa’ di rilievo che riporteranno gli utili trimestrali in settimana. Tra le piu’ importanti: Intel, Apple Computer, Google, Yahoo! ed Ebay. Tuttavia, con il petrolio ai livelli attuali, gli operatori potrebbero concentrarsi maggiormente sulla situazione geopolitica, spostando in secondo piano gli sviluppi societari.

In questo momento i contratti futures con scadenza maggio segnano un progresso di 50 centesimi a quota $69.72. Nelle ore precedenti, pero’, i contratti hanno toccato il livello dei $70 al barile, evento che non si verificava dall’agosto 2005, in seguito ai disastri causati dagli uragani nella regione del Golfo del Messico.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, in rialzo i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 5.02%. In forte rialzo l’oro. I futures con scadenza giugno avanzano di $8.40 a $608.50 all’oncia. Sul valutario, in ripresa l’euro: il cambio col dollaro e’ a quota $1.2240.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 e’ in rialzo di 0.20 punti a 1294.50 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq arretra di 3.8 punti a 1721.80.

Il contratto sull’indice Dow Jones guadagna 6 punti a 11185.