FUTURES: NUOVO SELL-OFF, TONFO -40% PER LEHMAN

11 Settembre 2008, di Redazione Wall Street Italia

A mezz’ora dall’apertura delle borse i contratti sugli indici Usa continuano a trattare in deciso calo (vedi quotazioni a fondo pagina) il che lascia prevedere un avvio fortemente negativo per l’azionario.

Sono ancora le preoccupazioni sullo stato dell’economia a livello globlale a preoccupare gli operatori. A contribuire al clima pessimista del preborsa e’ anche la debolezza del comparto finanziario. Il titolo Lehman Brothers (LEH) e’ crollato del 40%, costretto ad incassare i commenti negativi di due grosse banche.

“Troppe parole e poche azioni su Lehman” ha affermato un analista di Bank of America. “Il gruppo avrebbe ancora bisogno di una nuova infusione di capitali per almeno $6 miliardi”. Ieri la banca ha riportato una perdita trimestrale pari a $3.9 miliardi ed annunciato alcune iniziative (taglio del dividendo e vendita di alcuni asset) nel tentativo di riemergere dalla crisi.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Contrastate le notizie giunte negli ultimi minuti dal fronte macroeconomico. Le richieste di sussidio sono scese rispetto alla scorsa settimana ma si sono attestate ad un livello superiore alle attese; anche la bilancia commerciale ha deluso le stime degli economisti. Bene invece i prezzi alle importazioni, scesi del 3.7% ad agosto, segnando il primo calo da dicembre.

Tra le news societarie, il New York Times (NYT) potrebbe essere particolarmente attivo in seguito all’acquisto di una quota dell’azienda (6%) da parte del miliardario messicano Carlos Slim. A muoversi al rialzo potrebbe essere anche il titolo energetico Petrobras (PBR): i nuovi pozzi petroliferi scoiperti in Brasile sembrano garantire la produzione di 3-4 miliardi di barili al giorno.

Intanto continua a trattare in calo il greggio, ieri scivolato ad un nuovo minimo di 5 mesi. Nelle contrattazioni elettroniche i futures con consegna ottobre segnano un ribasso di $0.62 a $101.96 al barile.

Sugli altri mercati, sul valutario, l’euro e’ sempre debole, scivolato ai minimi di un anno nei confronti del dollaro a 1.3933. Giu’ l’oro a $748.8 (-$13.70) l’oncia. Riprendono quota i Titoli di Stato: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ sceso al 3.58%.

Alle 15:00 (le 9:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in ribasso di 17.90 punti (-1.45%) a 1215.40.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna -26.50 punti (-1.43%) a 1711.00.

Il contratto sull’indice Dow Jones perde 135 punti (-1.20%) a 11156.00.

parla di questo articolo nel Forum di WSI