FUTURES: NERVOSISMO PRIMA DELL’APERTURA

13 Febbraio 2006, di Redazione Wall Street Italia

A circa un’ora e mezza dall’apertura delle borse, i contratti sui principali indici Usa sono negativi.

Il clima sui mercati e’ nervoso e molto operatori hanno preferito alleggerire le proprie posizioni sull’azionario in attesa del primo discorso del nuovo presidente della Federal Reserbe, Ben Bernanke, che avverra’ in settimana.

Il problema e’ che non sono affatto chiare le intenzioni della Banca Centrale americana in materia di tassi d’interesse. Sembrerebbe, infatti, che il ciclo rialzista sul costo del denaro possa inoltrarsi oltre al livello atteso dalla maggior parte degli analisti ed investitori.

A mettere maggiore pressioni ai mercati e’ l’instabile situazione in Medio Oriente. La ripresa del programma nucleare da parte dell’Iran e lo spostamento delle trattative con la Russia non giovano ai mercati.

L’Iran e’ il secondo produttore mondiale di petrolio e, un inasprimento dei rapporti con l’Occidente potrebbe creare serie conseguenze sulla quantita’ globale di greggio. Intanto in mattinata i contratti futures con scadenza marzo sono in leggero rialzo, poco sotto i $62 al barile.

Non sono previsti dato macroeconomici di rilievo per la giornata odierna. Sul fronte societario, sotto i riflettori il titolo del colosso informatico Hewlett-Packard. Il Wall Street Journal ha riportato che il gruppo potrebbe rendere indipendente il business delle periferiche e prodotti portatili.

In ambito di mergers & acquisitions, Merrill Lynch e’ in trattative per l’acquisizione di una grossa quota della societa’ d’investimento Black Rock, per un controvalore di circa $8 miliardi. La nota societa’ di elettrodomestici Whirlpool potrebbe essere soggetto al pagamento di circa $1.7 miliardi per la violazione della legge antitrust in relazione con il rilevamento della rivale Maytag.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, in leggero ribassoi titoli di Stato: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.594%. L’oro arretra di $1.50 a $552.00 all’oncia e l’euro viene scambiato a 1.1895 contro il dollaro

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 arretra di 2.30 punti a 1266.00 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq e’ in calo di 5 punti a 1661.50.

Il contratto sull’indice Dow Jones e’ in ribasso di 17 punti a 10910.