Società

FUTURES NEGATIVI, ARRIVANO I DATI SULLE VENDITE RETAIL

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

A un’ora e mezza dall’apertura delle borse americane, i contratti futures sugli indici Usa trattano in territorio negativo (vedi quotazioni a fondo pagina), il che lascia prevedere che i trader siano inclini ad una prtenza fiacca. Intanto cominciano ad essere diffusi i primi dati sulle vendite mensili delle aziende retail.

Sull’azionario, la negativita’ dei futures dipende dalla decelerazione della crescita degli utili aziendali e dalla sensazione che un ritracciamento sia nelle carte a Wall Street, dopo il rally della scorsa settimana. Per le blue chip, bisognera’ anche vedere quale sara’ la reazione allo sfondamento intraday di quota 12.700 del Dow Jones Industrials ieri per la prima volta in assoluto.

Per quanto riguarda le aziende del comparto vendite al dettaglio, stando alle stime degli analisti, a gennaio le vendite comparate dovrebbero registrare una crescita del 3.2%, che potrebbe salire al 4.4% se si esclude l’impatto del colosso Wal-Mart ([[WMT]]).

In mattinata, Costo Wholesale ([[COST]]) ha riportato un rialzo del 2% delle vendite same-store, inferiore alle attese del mercato; bene American Eagle ([[AEOS]]) e Limited Brands ([[LTD]]) i cui numeri sono cresciuti rispettivamente del 17% e dell’11%, oltre le stime.

Tra gli altri titoli, il colosso dell’intrattenimento Walt Disney ([[DIS]]) ha registrato un rialzo del 2.5% nell’after-hour di ieri dopo aver diffuso una trimestrale contraddistinta da un livello di profitti doppio rispetto a quello dello scorso anno, grazie alle vendite di DVD.

Il gigante delle bibite, Pepsico ([[PEP]]), ha riportato un aumento dei profitti del 60%, in linea col consenso del mercato, mentre il calo del 74% degli utili comunicato da Warner Music ([[WMG]]) e’ risultato superiore alle attese.

APPENA 299 TITOLI QUOTATI SU BORSA ITALIANA, BEN 5.964 TITOLI QUOTATI SU NASDAQ E NYSE. CHE ASPETTI? E QUI SU WALL STREET ITALIA TROVI LE QUOTAZIONI IN TEMPO REALE E IL BOOK A 15 LIVELLI DI TUTTE LE AZIONI AMERICANE! CLICCA SU BOOK NASDAQ IN INSIDER

Sul fronte macroeconomico, la giornata permettera’ di valutare gli sviluppi nel comparto del lavoro, con le nuove richieste per sussidi di disoccupazione e sul comparto manifatturiero, attraverso i dati sulle scorte di magazzino all’ingrosso, per cui e’ atteso un rialzo dello 0.6%.

Sugli altri mercati, nel settore energetico il petrolio e’ poco variato, in rialzo di appena 7 centesimi a quota $57.78 al barile.

Sul valutario l’euro e’ in lieve calo nei confronti del dollaro a quota $1.2987. L’oro arretra di $3.80 a $653.50 l’oncia. In progresso i titoli di Stato: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ sceso al 4.74%.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in ribasso di 3.60 punti (-0.25%) a 1452.10.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 e’ segna -6.75 punti (-0.37%) a 1816.25.

Il contratto sull’indice Dow Jones arretra di 19 punti (-0.15%) a 12691.