FUTURES LIMANO PERDITE GRAZIE A BUFFETT

3 Novembre 2009, di Redazione Wall Street Italia

A Wall Street si profila una seduta negativa, con i contratti sui principali indici azionari che quando manca un’ora e mezzo all’inizio delle contrattazioni scambiano in ribasso (vedi quotazioni a fondo pagina), seguendo la scia dei cali visti in tutte le Borse del mondo, dall’Asia all’Europa.

Il morale degli investitori si e’ tuttavia parzialmente risollevato dopo che la holding di Warren Buffett Berkshire Hathaway ha annunciato l’acquisto della societa’ di trasporti e costruttrice di linee ferroviarie Burlington Northern Santa Fe per una cifra pari a circa $34 miliardi, in quello che e’ il maggiore takeover mai portato a termine sotto la guida del finanziere miliardario. Buffett spiega che un invstimento in un business come quello delle Ferrovie, e’ un investimento “verde”, perche’ non inquina rispetto al trasporto merci su rotaia, e aiuta la ripresa economica dell’America reale, quella che produce e lavora.

Tra le singole prove, spiccano i cali di Citigroup e Bank of America, dopo che UBS, la maggiore banca svizzera, ha chiuso in rosso il trimestre per la quarta volta consecutiva. I titoli cedono circa il 6% a New York.

Se puo’ interessarti, in borsa si puo’ guadagnare accedendo alla sezione INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.77 euro al giorno, provalo ora!

Con i mercati entrati in una modalita’ volatile, nel corso della seduta l’attenzione degli investitori verra’ con ogni probabilita’ polarizzata dall’incontro di due giorni del Comitato di politica monetaria della Fed (FOMC), anche se per la decisione sui tassi guida bisognera’ aspettare domani, intorno alle 20:15 italiane.

Gli investitori guarderanno con attenzione a un qualsiasi cambiamento nel linguaggio della Fed e in particolare nella frase “ancora per qualche tempo”, a cui la Banca Centrale e’ solita riferirsi intervenendo in merito al mantenimento dello status quo sui tassi di interesse.

Oggi e’ in calendario un solo dato macroeconomico di rilievo, ovvero gli ordini alle fabbriche di settembre. Secondo le previsioni degli economisti, le cifre, che verranno rese note alle 16 italiane, dovrebbero mostrare un rialzo dell’1%. Alle 20 italiane le case automobilistiche annunceranno invece le cifre relative alle vendite registrate il mese scorso.

L’agenda dei risultati societari vede coinvolte, tra le altre, Viacom e MasterCard, solo per citare alcune delle numerose aziende che riporteranno o hanno riportato i conti fiscali quest’oggi. La societa’ media ha archiviato il trimestre con profitti superiori al previsto, grazie ai successi al box office di film come Transformers e GI Joe, che l’hanno aiutata a controbilanciare quello che e’ stato un periodo difficile per il settore dei media a livello di introiti pubblicitari. I profitti per azione dell’azienda di carte di credito hanno invece battuto le stime di $0.54 nel terzo trimestre e i titoli scambiano in progresso di oltre l’1%. A mercati chiusi sara’ la volta di Kraft Foods.

Nel frattempo i titoli Intel scivolano del 2.4% dopo che gli analisti di Morgan Stanley hanno deciso di declassare. il settore dei semiconduttori a Equal Weight da Overweight, e tagliare al contempo l’intero comparto tecnologico a Cautious da Attractive.

Tra le notizie piu’ importanti del giorno, vi e’ anche l’acquisto di Black and Decker da parte di Stanley Works in un’operazione che riguarda 3.5 miliardi di titoli, valutati al prezzo di chiusura di lunedi’. L’acquirente si fara’ carico del debito e di altri asset, portando il valore complessivo dell’accordo a circa $4.5 miliardi.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico cede terreno il greggio. Al momento i futures con consegna dicembre fanno segnare un ribasso di $0.83 a quota $77.30 al barile. Sul valutario tenta il riscatto il dollaro, con l’euro che si indebolisce nei confronti del biglietto verde a quota $1.4652. Accelerano anche oggi i prezzi dell’oro: i futures con scadenza dicembre scambiano in progresso di $8.60 a quota $1062.60 l’oncia. In progresso i prezzi dei Titoli di Stato Usa: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ sceso al 3.4000% dal 3.4220% di lunedi’.

Alle 15:00 (le 9:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in flessione di 6.70 punti (-0.57%) a quota 1033.20.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 e’ in calo di 6.25 punti (-0.37%) a 1662.75.

Il contratto sull’indice Dow Jones perde 53.00 punti (-0.54%) a 9682.00.

Sullo stesso tema leggere anche gli articoli, analisi e commenti pubblicati da Wall Street Italia nelle ultime settimane:

WALL STREET: ATTENZIONE CHE SIAMO QUASI AL FINALE

WALL STREET: IL RIALZO PIU’ INGANNEVOLE DELLA STORIA

GURU CATASTROFISTI: SI CONSIGLIA SOLO A UN PUBBLICO MATURO

ALERT AZIONARIO: STA NASCENDO UNA BOLLA

FENOMENOLOGIA DEL RALLY DEL BABBEO (A NEW YORK)

BORSA: OBIETTIVI RAGGIUNTI, L’ANALISI TECNICA GETTA LA SPUGNA