FUTURES IN RIALZO, MA OCCHIO AI DATI

13 Giugno 2007, di Redazione Wall Street Italia

Ad un’ora e mezza dall’apertura delle borse i contratti sugli indici Usa sono in leggero rialzo (vedi quotazioni a fondo pagina) il che lascia prevedere un rimbalzo dell’azionario.

Il clima resta comunque teso sia per i numerosi dati macroeconomici che verranno rilasciati nell’arco della giornata sia per l’ulteriore spingimento al rialzo dei rendimenti sui bond, arrivati a toccare un valore del 5.30%, superando i fed funds che al momento, ricordiamo, sono al 5.25%.

L’attenzione prima dell’apertura sara’ maggiormente incentrata sui numeri relativi ai prezzi import-export e sulle vendite al dettaglio. Subito dopo l’avvio sara’ la volta delle scorte di magazzino e di quelle di petrolio, per poi passare, nel primo pomeriggio di New York, a valutare il rapporto sullo stato dell’economia rilasciato dalla Fed (Beige Book).

Dai dati in calendario potranno emergere importanti aggiornamenti sulle condizioni inflazionistiche e sulle prospettive economiche: il recente rally dei tassi potrebbe avere l’effetto di ridurre significativamente il volume dei prestiti richiesti dalle aziende, andando ad inficiare sulle operazioni di M&A e sugli utili aziendali.

A proposito di operazioni societarie, in mattinata il gruppo retail Jones Apparel ([[JNJ]]) sembra abbia raggiunto un accordo per la vendita di Barneys New York al governo di Dubai; nel comparto media, Walt Disney ([[DIS]]) ha completato la cessione di ABC Radio a Citadel ([[CDL]]) per un controvalore di $1.35 miliardi.

Tra i singoli titoli, a muoversi in rialzo e’ la societa’ software Sapient ([[SAPE]]), forte della trimestrale risultata migliore delle attese. Cauto ottimismo su Computer Sciences ([[CSC]]) in vista del bilancio fiscale che verra’ diffuso subito dopo la chiusura delle borse.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, nel comparto energetico, il petrolio e’ in lieve flessione. I futures con consegna luglio arretrano di 27 centesimi a $65.07 al barile. Sul valutario, l’euro sta estendendo la fase di deprezzamento nei confronti del dollaro: il cambio tra le due minete e’ sceso a 1.3276. In ribasso anche l’oro. I futures con consegna agosto vengono scambiati a $648.80, in ribasso di $4.30.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in rialzo di 3.30 punti (+0.23%) a 1510.80.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna +3.75 punti (+0.20%) a 1921.75.

Il contratto sull’indice Dow Jones guadagna 32 punti (+0.24%) a 13453