FUTURES IN RECUPER MA ANCORA DEBOLI

22 Ottobre 2007, di Redazione Wall Street Italia

A mezz’ora dall’apertura delle borse i contratti sugli indici Usa continuano a trattare in territorio negativo (vedi quotazioni a fondo pagina) il che lascia prevedere un avvio in calo per l’azionario.

I listini sembrano posizionati a proseguire sulla strada dei ribassi, estendendo le forti perdite dello scorso venerdi’, costate ben 367 punti al Dow Jones e responsabili della peggior performance settimanale dell’indice S&P500 dallo scorso agosto (nel culmine della crisi del credito).

Negli ultimi giorni le deludenti trimestrali di Caterpillar (CAT), Citigroup (C) e Bank of America (BAC) associate ad una serie di dati macro poco incoraggianti avevano risvegliato i timori di recessione per l’economia Usa.

La stagione degli utili societari si sta dimostrando alquanto deludente: delle 131 societa’ facenti parte dell’S&P500, piu’ del 25% ha fallito nel rispettare le attese degli analisti, oltre il doppio rispetto allo scorso anno. In settimana e’ atteso un massiccio flusso di risultati aziendali: sara’ fondamentale valutare l’impatto del credit crunch e dell’aumento dei prezzi energetici sui profitti aziendali.

In mattinata spunti positivi sono giunti dai numeri della farmaceutica Merck (MRK) e dalla societa’ energetica Halliburton (HAL), ha deluso invece Schering Plough (SGP). C’e grande attenzione ora sugli utili di American Express (AXP), Apple (AAPL) e Texas Instruments (TXN) che verranno diffusi subito dopo la chiusura dei mercati.

Il calendario odierno non prevede aggiornamenti economici di rilevante importanza. Nei prossimi giorni saranno comunicati i dati sul comparto immobiliare cui gli operatori porranno particolare attenzione dopo che gli ultimi dati hanno incrementato le chance di un taglio dei tassi nel prossimo meeting della Fed.

Il primo milione (di euro) e’ sempre il piu’ difficile. Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, nel comparto energetico il greggio sta cedendo parte dei recenti guadagni allontanandosi dal nuovo record di $90.07. Nelle contrattazioni elettroniche i futures con consegna novembre sono in calo di $1.60 a $87.00. Sul valutario, l’euro sta ritracciando rispetto al dollaro a quota 1.4188. In forte ribasso l’oro: i futures con consegna dicembre perdono $16.20 a $752.20 all’oncia. Inverisone di rotta infine per i Titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ salito al 4.41%.

Alle 15:00 (le 9:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in ribasso di 6.90 punti (-0.46%) a 1498.90.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna -10.50 punti (-0.49%) a 2139.25.

Il contratto sull’indice Dow Jones perde 78 punti (-0.58%) a 13482.00.