FUTURES IN LIEVE CALO CON RIMBALZO GREGGIO

27 Novembre 2006, di Redazione Wall Street Italia

A un’ora e mezza dall’apertura delle borse, i contratti sugli indici Usa sono in lieve calo.

Ancora preoccupati per la debolezza del dollaro dopo il flop di venerdi’, gli operatori potrebbero proseguire sulla strada delle vendite, in assenza di dati macroeconomici, e con il greggio tornato sopra i $60. A preoccupare e’ anche il comparto retail, per i dubbi relativi ai risultati dello shopping natalizio, ufficialmente iniziato alla fine della settimana appena conclusasi.

Il colosso Wal-Mart ([[WMT]]), barometro dell’intero settore, potrebbe soffrire in partenza, dopo aver stimato un calo dello 0.1% sulle vendite comparate di novembre. Se il dato dovesse essere confermato, per l’azienda si tratterebbe del primo calo delle vendite same-store mensili degli ultimi 10 anni. Nelle contrattazioni europee, il titolo ha ceduto l’1.3%. In calo anche le maggiori rivali, tra cui Target ([[TGT]]) (-2.5%), J.C. Penny ([[JCP]]) e Sears Holdings ([[SHLD]]) (entrambe –1.5%).

Sugli altri mercati, il dollaro ha continuato a perdere terreno nei confronti delle principali valute, scendendo ad un minimo di 20 mesi rispetto all’euro. In mattinata il cambio euro/dollaro e’ di 1.3114.

Recupera invece il greggio. Nelle contrattazioni elettroniche i futures con scadenza gennaio sono in progresso di 30 centesimi a $59.54 al barile, dopo aver toccato un massimo di $60.20. Il ministro del petrolio dell’Arabia Saudita ha rimarcato la possibilita’ di un’ulteriore taglio alla produzione nel prossimo meeting dell’OPEC, fissato per il 14 dicembre.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, l’oro e’ in buon progresso (+$9.10) a $644.50 all’oncia. In calo i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.57%.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 perde 1.80 punti a 1401.10 (-0.13%).

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna –4.50 punti a 1815.75 (-0.27%).

Il contratto sull’indice Dow Jones e’ in ribasso di 11.00 punti a 12290 (-0.1%)