FUTURES IN LIEVE CALO A NEW YORK, RIMBALZA GM

12 Novembre 2008, di Redazione Wall Street Italia

Ad un’ora e mezza dall’apertura delle borse i contratti sugli indici Usa trattano poco distanti dalla linea di parita’ (vedi quotazioni a fondo pagina) il che lascia prevedere un avvio piatto per l’azionario.

Anche oggi il calendario macroeconomico non prevede dati di particolare rilievo di conseguenza l’attenzione continuera’ ad essere polarizzata dal comparto societario. Un certo interesse potrebbe essere venire dall’intervento del Segretario al Tesoro Henry Paulson che nel primo pomeriggio italiano fornira’ un aggiornamento sul mega piano di salvataggio.

I leader democratici hanno iniziato ad esprimere pareri favorevoli sull’utilizzo di parte dei fondi del piano per rilanciare il comparto dell’auto, messo in ginocchio dal calo delle vendite. General Motors, il cui titolo era piombato ai minimi di oltre 60 anni nella seduta di ieri, si muove in buon rialzo nel preborsa (+15%).

Intanto cresce il numero delle aziende in difficolta’, in attesa di aiuti governativi che possano permettere il superamento della crisi. Il Wall Street Journal riporta che American Express ha gia’ effettuato una richiesta di prestito per $3.5 miliardi al governo americano. Hypo Real Estate ha gia’ raggiunto un accordo con il governo tedesco per l’iniezione di nuovi capitali per un valore di $50 miliardi di euro.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Proseguono i guai per gli istituti finanziari. Prudential Financial e’ stata costretta a ridurre del 50% il pagamento del dividendo trimestrale; un’altra societa’ assicurativa, Swiss Life, ha tagliato le stime sugli utili e sospeso il piano di riacquisto di azioni proprie. Tra le societa’ che diffonderanno le trimestrali in giornata, la catena retail Macy’s e, dopo la chiusura, le aziende hi-tech Applied Material e Computer Sciences.

Sugli altri mercati, cala il petrolio: i futures con consegna dicembre sono in ribasso di $0.46 a $58.87 al barile. Sul valutario, l’euro e’ invariato nei confronti del dollaro a quota 1.2532. In lieve rialzo l’oro a $733.40 l’oncia (+$0.60).

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in rialzo di 0.10 punti (+0.01%) a 893.10.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna -5.25 punti (-0.43%) a 1217.75.

Il contratto sull’indice Dow Jones perde 14 punti (-0.16%) a 8623.00.

parla di questo articolo nel Forum di WSI