FUTURES IN CALO, DELUDE HOME DEPOT, OCCHI SUL CPI

15 Maggio 2007, di Redazione Wall Street Italia

Ad un’ora e mezza dall’apertura delle borse i contratti sugli indici Usa sono negativi (vedi quotazioni a fondo pagina) il che lascia prevedere un avvio in rosso per l’azionario.

Ad originare un sentiment negativo prima dell’apertura sono i bilanci fiscali di alcune societa’ retail, nonche’ l’attesa per il dato sui prezzi al consumo che dovrebbe offrire maggiori dettagli sull’inflazione e, di riflesso, sulla politica monetaria condotta dalla Fed.

Home Depot ([[HD]]), la maggiore azienda di prodotti per la casa e componente del Dow Jones, ha diffuso in mattinata una trimestrale inferiore alle attese. Il titolo e’ arretrato di oltre il 3% nelle contrattazioni del preborsa. Wal-Mart ([[WMT]]), il gruppo leader nel comparto retail, ha registrato risultati in linea con le stime.

I due rapporti evidenziano la fase di stallo della crescita economica e soprattutto il rallentamento della spesa dei consumatori, probabilmente affetti dal crescente aumento dei prezzi della benzina che proprio questa mattina e’ schizzata ad un record storico di $3.10 al gallone (+5 centesimi rispetto alla scorsa settimana).

Venerdi’ scorso i prezzi alla produzione hanno mostrato un rallentamento delle pressioni inflazionistiche. Le attese sul CPI sono per un progresso dello 0.5% (dopo essere salito dello 0.6% nel mese precedente); le stime sulla versione “core” sono per un rialzo dello 0.2%. Il dato verra’ comunicato alle 14:30 ora italiana, in parallelo all’Empire State Index che fornira’ maggiori dettagli sull’attivita’ manifatturiera dell’area di New York, da diverso tempo sotto pressione.

A mantenere gli investitori sulla difensiva prima dell’apertura e’ anche la debole performance dei mercati asiatici dove gli indici di riferimento hanno registrato cali giornalieri superiori al punto percentuale.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, nel comparto energetico, i futures con consegna giugno sul petrolio cedono 20 centesimi a $62.26 al barile. Sul valutario, euro in leggero calo rispetto al dollaro a quota 1.3535. In ribasso di $3.00 l’oro a quota $667.10 all’oncia. Invariati i titoli di Stato Usa: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ fermo al 4.69%.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in ribasso di 3.90 punti (-0.26%) a 1504.80.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna -5.75 punti (-0.30%) a 1890.50.

Il contratto sull’indice Dow Jones cede 27 punti (-0.20%) a 13361.