FUTURES IN BUON RIALZO PRIMA DEI DATI MACRO

5 Ottobre 2007, di Redazione Wall Street Italia

Ad un’ora e mezza dall’apertura delle borse i contratti sugli indici Usa trattano in rialzo (vedi quotazioni a fondo pagina) il che lascia prevedere un avvio positivo per l’azionario.

Nelle ultime due sedute i listini hanno registrato variazioni molto contenute e il volume di scambio e’ stato inferiore alla media. Il recente atteggiamento attendista degli operatori trova radici nel rilascio del rapporto occupazionale che avverra’ alle 14:30 ora italiana.

Il dato, per cui e’ prevista una crescita di 100 mila unita’, sara’ fondamentale per il corso della politica monetaria da parte della Fed. Sara’ importante verificare se la perdita di 4 mila posti lo scorso mese abbia dato inizio ad un ciclo negativo per il mercato del lavoro.

E’ importante che l’indicatore fornisca numeri sostanzialmente in linea con il consensus. Un dato inferiore alle attese risveglierebbe inevitabilmente i timori di un ingresso dell’economia Usa in fase di recessione; nel caso di un dato nettamente superiore alle stime, le chance di un nuovo taglio al costo del denaro potrebbero ridursi drasticamente.

Il primo milione (di euro) e’ sempre il piu’ difficile. Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Sul fronte societario, nessuna azienda componente dell’S&P500 riportera’ i risultati trimestrali. La prossima settimana si entrera’ nel vivo della stagione degli utili con i numeri fiscali del gigante dell’alluminio Alcoa (AA).

Citigroup (C ) ha lanciato un primo allarme sul rallentamento dei profitti societari, stimando per il 2007 una crescita media dell’EPS del 9.2%, in netto calo rispetto al +17% dello scorso anno. Anche per gli analisti di Goldman Sachs (GS) si sta assitendo ad un raffreddamento del momentum dei risultati societari.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico il petrolio si muove sulla linea di parita’. Nelle contrattazioni elettroniche i futures con consegna novembre sono in rialzo di appena 3 centesimi a quota $81.47 al barile. Sul valutario, l’euro e’ in lieve flessione, scambiato a quota $1.4130. In calo l’oro: i futures con consegna dicembre cedono $1.60 a $742.20 all’oncia. Invariati infine i Titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ fermo al 4.53%.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in rialzo di 6.00 punti (+0.39%) a 1558.20.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna +8.250 punti (+0.39%) a 2131.50.

Il contratto sull’indice Dow Jones guadagna 36 punti (+0.26%) a 14077.