FUTURES GIU’. BERNANKE: ‘TENSIONE STRAORDINARIA’

23 Settembre 2008, di Redazione Wall Street Italia

Ad un’ora e mezza dall’apertura delle borse i contratti sugli indici Usa trattano in lieve calo (vedi quotazioni a fondo pagina) il che lascia prevedere un avvio sotto la parita’ per l’azionario.

“Nonostante gli sforzi della Federal Reserve, del Tesoro e delle altre istituzioni, i mercati finanziari internazionali restano in una tensione straordinaria” dice il testo del presidente della Federal Reserve Ben Bernanke preparato per l’audizione al Senato.

Piu’ tardi (15:30 ora italiana) e’ atteso infatti sia l’intervento del segretario al Tesoro Paulson al Senato Usa, da cui dovrebbero emergere maggiori informazioni sul piano di slavataggio delle banche, sia il presidente della Fed Bernanke. Entrambi saranno impegnati sia oggi che domani ad illustrare al Congresso le soluzioni studiate negli ultimi giorni per alleggerire le banche dagli asset “tossici” che stanno spingendo al ribasso i titoli finanziari.

Gli operatori restano cauti. C’e’ ancora grande incertezza sull’efficacia del piano del Tesoro e soprattutto sulle ripercussioni che questo avra’ sui contribuenti, sull’economia reale in termini di inflazione mentre resta la preoccupazione che non possa essere evitata la recessione.

Prima dell’apertura Wachovia cede l’8.5%, -9.5% per Washington Mutual, in lieve calo anche JP Morgan e Bank of America. Ieri l’intero comparto finanziario ha riportato perdite massicce, cancellando interamente i guadagni registrati nella seduta precdente. Si teme per le sorti delle piccoli banche regionali che potrebbero non farcela a superare la crisi. L’indice di riferimento, il BIX, ieri e’ arretrato di oltre il 10%.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, nel comparto energetico, dopo il rialzo record di ieri, il petrolio cede terreno. Al momento i futures con consegna novembre, da oggi quelli di riferimento, segnano un ribasso di $2.63 a $106.74 al barile. Sul valutario, l’euro e’ invariato rispetto al dollaro a quota 1.4777. Arretra l’oro a $897.10 l’oncia (-$11.90). In lieve recupero i Titoli di Stato Usa: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ sceso al 3.81%.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in ribasso di 4.70 punti (-0.39%) a 1209.10.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna -2.50 punti (-0.15%) a 1667.25.

Il contratto sull’indice Dow Jones perde 41 punti (-0.37%) a 11022.00.

parla di questo articolo nel Forum di WSI