FUTURES: DELUDE L’HI-TECH MA GLI INDICI REGGONO

20 Marzo 2009, di Redazione Wall Street Italia

Ad un’ora e mezza dall’apertura delle borse i contratti sugli indici Usa sono piatti (vedi quotazioni a fondo pagina) il che lascia prevedere un avvio poco distante dalla parita’ per l’azionario.

Sia l’agenda economica che quella societaria sono povere di appuntamenti di rilievo, ma il mercato potrebbe essere soggetto ugualmente ad un’elevata volatilita a causa del “Triple Witching” che segna la scadenza dei contratti futures sugli indici e delle opzioni su indici ed azioni.

Gli ultimi annunci di alcune aziende hi-tech hanno rafforzato i timori che hanno spinto la Banca Centrale in settimana a delle misure eccezionali nel tentativo di ristabilizzare l’economia.

Il produttore di cellulari Sony Ericsson ha annunciato che nell’ultimo trimestre potrebbe riportare una perdita fino a 360 milioni di euro, mentre il produttore americano di computer palmari, Palm, ha riportato una perdita trimestrale pari a $98 milioni.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul
link INSIDER

Dean Tenerelli, manager del gruppo T.Rowe Price, afferma che al momento i segnali positivi per l’economia sono pochissimi e che in base alle conversazioni avute con molte aziende, si dovrebbe assistere ad un ulteriore deterioramento degli utili societari nei prossimi mesi. Tuttavia Tenerelli ha anche offerto delle rassicurazioni sulle buone opportunita’ d’investimento che il mercato attualmente offre, a causa “della valutazione ai minimi storici”.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico in calo il greggio. I futures con consegna aprile arretrano di $0.52 a $51.09 al barile. Sul valutario, arretra l’euro nei confronti del dollaro a quota 1.3558. Scende lievemente l’oro a $956.90 l’oncia (-$1.90). In progresso i Titoli di Stato Usa: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ sceso al 2.56%.

Alle 13:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in rialzo di 0.50 punti (+0.06%) a 780.60.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna +1.00 punti (+0.08%) a 1204.50

Il contratto sull’indice Dow Jones guadagna 2 punti (+0.03%) a 7354.00.