FUTURES: DELUDE INTEL, OCCHI PUNTATI SULL’INFLAZIONE

17 Gennaio 2007, di Redazione Wall Street Italia

A un’ora e mezza dall’apertura delle borse, i contratti sugli indici Usa puntano ad un avvio neutro.

In giornata grande attenzione sara’ rivolta ai dati economici, in particolare agli aggiornamenti sul fronte dell’inflazione, senza trascurare l’aspetto societario dopo che i risultati trimestrali di Intel hanno deluso gli investitori.

Alle 14:30 ora italiana saranno pubblicati i numeri relativi ai prezzi alla produzione di dicembre, per cui si attende un rialzo dello 0.5%, considerevolmente inferiore rispetto al mese precedente in cui il dato balzo di ben due punti percentuali registrando il maggiore rialzo di tre decadi. Il dato “core” dovrebbe mostrare un progresso dello 0.1%.

Alle 15:15 verra’ pubblicato l’aggiornamento sulla produzione industriale ed alle 16:30 l’attenzione si spostera’ sul comparto energetico, polarizzata dai dati settimanali sulle scorte di petrolio. Intanto, nelle contrattazioni del pre-borsa, i futures con scadenza febbraio stanno continuando a perdere forza, cedendo 26 centesimi a $50.95 al barile.

A chiudere il calendario economico sara’ il rapporto sul Beige Book stilato dalla Fed, disponibile nel primo pomeriggio di New York, alle 20:00 ora italiana.

Passando al comparto societario, nelle contrattazioni elettroniche il titolo del colosso dei chip, Intel )[[INTC]]), sta cedendo oltre il 4% dopo aver diffuso, nell’after hour di ieri, un outlook non incoraggiante per il prossimo trimestre, possibilmente dovuto ad un incremento delle scorte di magazzino e al peggioramento delle condizioni del business.

Tra le societa’ che riporteranno i bilanci in giornata si distinguono JPMorgan Chase ([[JPM]]), State Street ([[STT]]) , Apple ([[]AAPL]]) e Southwest Airlines ([[LUV]]).

Nel comparto aereo, Boeing ([[BA]]) potrebbe finire nel mirino degli investitori dopo che Airbus ([[EAD]]) ha perso per la prima volta in sei anni la battaglia annuali sul numero di ordinativi totalizzando 790 ordini contro i 1044 della rivale americana.

Nel settore automobilistico, il CEO di General Motors ([[GM]]), Rick Wagoner, ha annunciato che un accordo con Delphi (ora in bancarotta) potrebbe essere possibile nel breve periodo.

Hai gia’ provato le quotazioni in tempo reale e il book a 15 livelli del NASDAQ? Scopri le eccezionali performance di questo tool, vai su INSIDER

Sugli altri mercati, sul valutario l’euro e’ fermo rispetto al dollaro a quota 1.2919. L’oro cede $2.90 a 623.00 all’oncia. In lieve rialzo i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.74%.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 guadagna 1.20 punti (+0.08%) a 1439.90.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna -2.25 punti (-0.12%) a 1853.50.

Il contratto sull’indice Dow Jones e’ in progresso di 14.00 punti (+0.11%) a 12.642.