FUTURES: CONTRATTI PIATTI, OCCHI PUNTATI SUL PIL

30 Marzo 2006, di Redazione Wall Street Italia

A circa un’ora e mezza dall’apertura delle borse, i contratti sugli indici Usa sono piatti.

Dopo i forti guadagni di ieri, che hanno portato il Nasdaq ai massimi di cinque anni, sui mercati torna a prevalere la minaccia degli elevati prezzi energetici. Ad imprimere cautela e’ anche l’offerta di azioni proposta da Google.

Nelle contrattazioni elettroniche, i contratti futurs sul greggio stanno guadagnando 18 centesimi a quota $66.63. Tali livelli rappresentano un fattore di preoccupazione per la spesa dei consumatori e per gli investimenti aziendali.

A determinare il rialzo dell’oro nero continuano ad essere i dubbi sull’attuale livello di scorte. Nella giornata di ieri, le riserve di benzina hanno segnato il maggiore calo degli ultimi due anni e mezzo.

Sul fronte societario, ancora sotto i riflettori il colosso dell’auto General Motors. Il titolo e’ rimbalzato dai minimi di mercoledi’ e nel preborsa sta guadagnando lo 0.68%. Tuttavia, nell’after hour di ieri, l’agenzia di rating, Moody’s, ha tagliato il rating sull’azienda di Detroit.

Preoccupazioni arrivano dal comparto Internte, e da Google in particolare. Il celebre motore di ricerca ha annunciato un’offerta di azioni: il titolo sta cedendo il 2.58% nel pre-market.

Tra gli aggiornamenti macro, molto atteso il dato finale sul Pil del quarto trimestre. Le previsioni sono per una revisionio del dato all’1.7% dall’1.6% stimato in precedenza. Alla stessa ora, le 15:30 italiane, verranno diffusi anche gli aggiornamenti dal comparto del lavoro. Alle 17:00 sara’ la volta dell’Help-Wanted Index.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, in leggero recupero i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.80%. In progresso l’oro ($5.60): i futures con scadenza giugno sono a quota $579.80 all’oncia. Avanza l’euro nei confronti del dollaro: il cambio e’ a quota $1.2091.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 e’ in rialzo di 0.80 punti a 1310.90 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq avanza di 3.00 punti a 1723.50

Il contratto sull’indice Dow Jones guadagna 5 punti a 11272.