FUTURES: CONTRATTI NEGATIVI SUL CARO PETROLIO

10 Maggio 2005, di Redazione Wall Street Italia

A quasi due ore dall’apertura delle borse i contratti sugli indici Usa sono negativi.

Sui mercati pesa l’aumento del petrolio, che lunedi’ e’ tornato sopra i $52 al barile. Il prezzo del greggio in questo momento guadagna 15 centesimi a $52.18.

In assenza di indicatori economici, molti operatori non si sbilanciano, inoltre, in vista della trimestrale di Cisco Systems. Il colosso delle infrastrutture network pubblichera’ il bilancio questa sera, dopo la chiusura delle borse.

Tra le altre societa’ che oggi riporteranno i risultati trimestrali, molta attenzione sara’ prestata al gruppo retail May Department Stores. Ricordiamo che in settimana saranno diffusi i dati sulle vendite al dettaglio di aprile. L’indicatore e’ seguito molto da vicino perche’ fornisce importanti ragguagli sullo stato dell’economia Usa.

Ancora sotto i riflettori General Motors. Il titolo ha guadagnato piu’ del 2% nell’after hour di lunedi’ dopo che la casa dell’auto ha confermato i dividendi di 50 centesimi per azione per il secondo trimestre.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 11 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati sono in rialzo i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.26% contro il 4.28% della chiusura di lunedi’. L’oro e’ in rialzo di $0.8 a $427.7 all’oncia e l’euro viene scambiato a 1.2856 contro il dollaro.

Alle 13:45 (le 7:45 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 e’ in calo di 2.8 punti (-0.24%) a 1175.5 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 cede 3.5 punti (-0.24%) a 1460 punti.

Il contratto sull’indice Dow Jones e’ in ribasso di 27 punti (-0.27%) a 10347 punti.