FUTURES: CONTRATTI DEBOLI, PESA L’HI-TECH

25 Ottobre 2005, di Redazione Wall Street Italia

A un’ora e mezza dall’apertura delle borse, i contratti sugli indici Usa sono negativi.

Dopo il forte rally di lunedi’, che ha salutato la nomina di Ben Bernanke a prossimo Governatore della Federal Reserve, sui mercati americani tornano a prevalere le vendite.

A pesare sono alcune cattive notizie dal fronte societario. Il colosso dei chip per cellulari Texas Instruments dopo la chiusura delle borse di ieri ha fornito un outlook deludente sul fatturato del quarto trimestre. Il titolo ha registrato forti perdite nell’after hour.

Delusione anche dai numeri di DuPont. Il gruppo chimico ha riportato una perdita superiore alle attese. Tra le grosse societa’ che pubblicheranno gli utili in giornata, da segnalare Lockheed Martin, BellSouth, International Paper, Lexmark International e Northrop Grumman.

Fino a questo momento gli utili nel complesso si sono rivelati piuttosto positivi, ma il problema ha a che fare con le previsioni per i prossimi trimestri.

Sotto i riflettori il settore brokeraggio. Alcune indiscrezioni diffuse da quotidiani Usa riferiscono che un gruppo di investitori guidati da Merrill Lynch sarebbero interessati ad acquistare Refco, broker di futures finito di recente in bancarotta.

Per quanto riguarda gli appuntamenti economici, alle 16:00 ora italiana saranno diffusi i dati di ottobre sulla fiducia dei consumatori. Si tratta di un indicatore molto seguito dagli operatori perche’ i consumi contano per i due terzi dell’economia americana. Alla stessa ora saranno resi noti i dati di settembre sulle vendite di case esistenti.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 10 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati sono in lieve ribasso i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.46% contro il 4.45% della chiusura di lunedi’. L’oro cede $2.2 a $469.2 all’oncia, il petrolio cede 12 centesimi a $60.20 al barile e l’euro viene scambiato a 1.2027 contro il dollaro.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 e’ in ribasso di 3.5 punti (-0.29%) a 1198.9 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq arretra di 5 punti (-0.31%) a 1593 punti.

Il contratto sull’indice Dow Jones segna un calo di 27 punti (-0.26%) a 10371.