FUTURES CONTRASTATI, OCCHI PUNTATI SU IMMOBILIARE

25 Giugno 2007, di Redazione Wall Street Italia

Ad un’ora e mezza dall’apertura delle borse i contratti sugli indici Usa sono contrastati (vedi quotazioni a fondo pagina) il che lascia prevedere un avvio a due velocita’ per l’azionario, comunque non distante dalla parita’.

I timori relativi al mercato dei mutui subprime (concessi ai clienti con problemi di credito e dunque a maggiori rischio di insolvenza) continuano a rivestire un elemento dominante sul sentiment degli operatori. Il gruppo finanziario CIBC ha tagliato il rating sulla banca d’affari Bear Stearns ([[BSC]]) citando le preoccupanti stime proprio sul business dei mutui immobiliari. Nella scorsa settimana la banca aveva annunciato il collasso di due hedge funds esposti su tale settore.

Le prospettive non favorevoli sull’outlook dei tassi d’interesse hanno generato un’ondata di vendite negli ultimi giorni che ha costretto i listini a registrare la peggiore performance settimanale da febbraio.

L’attesa per i dati macro in calendario, relativi al comparto immobiliare, sta inoltre fungendo da freno agli acquisti nel preborsa. Le attese degli analisti sono per un totale di vendite di case esistenti nel mese di maggio pari a 6 milioni, in leggerissimo rialzo rispetto ai deludenti livelli del mese precedente.

Sul fronte societario continuano le trattative tra News Corp ([[NWC]]) e il gruppo editoriale Dow Jones ([[DJ]]). Stando agli ultimi sviluppi, le due societa’ sarebbero molto vicine ad un accordo che garantirebbe l’indipendenza del noto quotidiano finanziario “The Wall Street Journal” nel caso in cui l’azienda di Murdoch acquistasse il gruppo media.

Tra le societa’ dell’S&P500 che diffonderanno i risultati trimestrali in giornata si distingue solo la catena di negozi Wallgreen ([[WAG]]).

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, nel comparto energetico, il petrolio sta cedendo parte dei recenti guadagni. I futures con consegna agosto segnano un calo di 88 centesimi a $68.22 al barile.

Sul valutario, l’euro e’ stabile nei confronti del dollaro: il cambio tra le due valute e’ a quota 1.3464. In ribasso l’oro. I futures con consegna agosto vengono scambiati a $653.60 all’oncia, in calo di $3.40. Avanzano i Titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ rialzo al 5.11%.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in ribasso di 1.20 punti (-0.08%) a 1519.30.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 e’ invariato a 1948.00

Il contratto sull’indice Dow Jones guadagna 12 punti (+0.09%) a 13518