FUTURES: AUMENTANO LE TENSIONI SUL PETROLIO

13 Gennaio 2006, di Redazione Wall Street Italia

A circa un’ora e mezza dall’apertura delle borse, i contratti sui principali indici Usa sono negativi.

A determinare il sentiment negativo prime del suono della campanella, sono le crescenti tensioni sulle ambizioni dell’Iran relative al programma nucleare, che hanno spinto il prezzo del greggio ben sopra i $64 al barile. Ad aumentare il nervosismo degli operatori e’ anche l’annuncio di un’investigazione formale, da parte degli organi di controllo americani, sui conti trimestrali del colosso informatico IBM.

Gli sviluppi in Medio Oriente stanno alzando i timori di un ulteriore aumento dei costi energetici, che andrebbe ad incidere direttamente sui profitti aziendali, incedendo negativamente sui risultati trimestrali.

Nelle contrattazioni elettroniche, i futures con scadenza febbraio sul greggio sono arrivati a toccare la soglia dei $64.37 al barile, dopo aver chiuso invariati la seduta di giovedi’ a quota $63.94.

Per quanto riguarda IBM, nelle contrattazioni europee il titolo e’ scivolato di oltre un punto percentuale.

Rimanendo in ambito societario, sotto i riflettori Tyco International: la conglomerata industriale ha reso nota l’intenzione di un “breakup” del gruppo in tre differenti aziende ugualmente trattate pubblicamente. Nel preborsa il titolo e’ in netto calo (-6.80%), dopo aver rivisto al ribasso le stime sul primo trimestre.

Numerosi gli appuntamenti economici in calendario. Alle 14:30, ora italiana, verranno comunicati i dati sulle vendite al dettaglio e i prezzi alla produzione di dicembre, alle 16:00 quelli sulle scorte di magazzino di novembre.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, in leggero calo i titoli di Stato: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.42%. L’oro arretra di 80 centesimi a $548.50 all’oncia e l’euro viene scambiato a 1.2045 contro il dollaro

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 arretra di 1.60 punti a 1292 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq e’ in ribasso di un 6 punti a 1758.

Il contratto sull’indice Dow Jones e’ in ribasso di 14 punti a 10998 punti.