FUTURES: ATTESA UN’ APERTURA IN LEGGERO CALO

31 Gennaio 2007, di Redazione Wall Street Italia

A mezz’ora dall’apertura delle borse, i contratti sugli indici Usa sono in ribasso. Sullo S&P 500 il futures vs fair value e’ a -2.7, sul Nasdaq i futures vs fair value sono a -4.2.

Dall’andamento dei futures si puo’ quindi prevedere un’apertura in leggero calo dell’azionario, confermata del resto dall’ulteriore ridimensionamento dei Treasuries.

Anche se il rapporto sul GDP appena diffuso dimostra che l’economia americana cresce bene, e che la crescita continuera’ a un tasso di circa +3% nel primo trimestre e quasi sicuramente per tutto il 2007, il fatto che ci sia stato un rallentamento dell’economia Usa dall’inizio del rialzo dei tassi nel 2003 e fino alla meta’ del 2006, e che questo rallentamento sia di fatto finito, aumenta tra gli investitori istituzionali e lo “smart money” le preoccupazioni per ulteriori eventuali rialzi dei tassi da parte della Fed. Il che ovviamente non piace al mercato azionario. Da notare che il titolo del Tesoro Usa a 10 anni e’ in ribasso di 6 punti, il che ha fatto salire il rendimento al 4.89%.

Hai gia’ provato le quotazioni in tempo reale e il book a 15 livelli dei 3200 titoli NASDAQ e dei 2764 titoli NYSE? Non morire di noia con le 299 azioni di Borsa Italiana, scopri le eccezionali performance di BOOK NASDAQ, clicca su INSIDER

L’evento principale della giornata riguarda proprio la decisione della Federal Reserve sui tassi. Anche se e’ ampiamente attesa una conferma dell’attuale costo del denaro (5.25%), sara’ interessante valutare attentamente il documento ufficiale per avere un quadro piu’ chiaro sull’atteggiamento che la Banca Cantrale Usa intendera’ assumere nei prossimi mesi, alla luce dei robusti dati macro diffusi di recente.

A tal proposito, in mattinata il dato preliminare sul Prodotto Interno Lordo del quarto trimestre ha registrato un balzo del 3.5%, battendo le attese degli analisti (3%). Inoltre, il deflatore del PIL, un fattore chiave nella lettura dell’inflazione, ha registrato un calo all’1.5% dall’1.9% del trimestre precedente.

Subito dopo l’apertura, saranno disponibili gli aggiornamenti sul Chicago PMI e sulla spesa per le costruzioni. Alle 16:30 ora italiana, il focus si spostera’ sul comparto energetico con la comunicazione dei dati settimanali sulle scorte.

Nel preborsa i futures con consegna marzo sul greggio cedono 34 centesimi a $56.63; ieri avevano chiuso ad un soffio dai $57, spinti dalle dichiarazioni di membri del governo dell’Arabia Saudita secondo cui il paese petrolifero n. 1 del mondo sarebbe intenzionato ad un taglio della produzione giornaliera.

Sul fronte societario, buone notizie per Time Warner ([[TWX]]) che ha riportato un balzo degli utili del 30% nell’ultimo trimestre. Sale anche il colosso aerospaziale Boeing ([[BA]]), dopo aver riportato un utile per azione di 19 centesimi superiore al consensus. Attesi in giornata anche i risultati della societa’ del tabacco Altria ([[MO]]), di Eastman Kodak ([[EK]]), della farmaceutica Eli Lilly ([[LLY]]) e del colosso Internet Google ([[GOOG]]).

Sugli altri mercati, sul valutario l’euro e’ in lieve calo nei confronti del dollaro, a quota $1.2933. L’oro e’ praticamente invariato a $650.00 all’oncia.