FUTURE USA IN CERCA
DI SPUNTI PER SALIRE

19 Giugno 2003, di Redazione Wall Street Italia

A meno di un’ora dall’inizio delle contrattazioni a Wall Street, i future sugli indici Usa sono tutti positivi e in progresso rispetto alla precedente rilevazione.

Sul fronte macroeconomico, sono risultate leggermente migliori delle attese le richieste di sussidi alla disoccupazione, mentre raggiunge un nuovo record il deficit delle partite correnti, anche se il mercato si aspettava di peggio.

A questo punto mancano ancora i dati piu’ importanti della giornata: il Superindice di maggio, l’indice Filadelfia Fed di giugno e il budget del Tesoro di maggio.

Il dato proveniente da Filadelfia, in particolare, potrebbe influenzare la seduta odierna. Dopo le buone notizie provenienti dall’area di New York (Empire State Index), un’eventuale conferma del miglioramento dell’economia sarebbe molto positiva per i mercati.

Per quanto riguarda gli utili societari, dopo i broker Bear Stearns e Morgan Stanley, oggi, prima dell’apertura, e’ stata la volta di un altro big del settore, Lehman Brothers, che ha comunicato i risultati del secondo trimestre fiscale. Le attese erano per un EPS di $1,17, in crescita rispetto ai $1,08 dello stesso periodo dell’anno scorso. La banca d’affari e’ riuscita invece a realizzare un EPS di $1,67, con un fatturato in aumento del 37,8%.

Alle 14:45 (le 8:45 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 guadagna 3,50 punti (+0,35%), a 1.011,70 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 e’ in rialzo di 5,50 punti (+0,44%), a 1.252,00 punti.

Il contratto sull’indice Dow Jones sale di 25 punti (+0,27%), a 9.295 punti.

Sul mercato obbligazionario, l’ultima emissione del titolo del Tesoro USA a 10 anni fa registrare prezzi a 102,25 e rendimenti al 3,36%.

Verificare le quotazioni dei titoli in movimento nel preborsa aggiornate in tempo reale cliccando BOOK USA